Roberto Speranza Zona bianca Ordinanza Tre regioni

“Solo 3 regioni in zona bianca”. Covid, la decisione di Speranza: chi cambia colore dal 31 maggio

Ormai la notizia era nell’aria da giorni, ma adesso c’è anche la conferma ufficiale. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato una nuova ordinanza che dispone il passaggio di alcune regioni in zona bianca. La decisione è stata confermata grazie ai buoni risultati emersi dall’andamento epidemiologico del coronavirus. Una buonissima notizia per tantissimi italiani, che potranno godere di maggiori libertà, nonostante dovranno comunque indossare le mascherine e mantenere il distanziamento.

Ricordiamo che una zona bianca non avrà più il coprifuoco e le attività economiche e sociali potranno riaprire da subito. In ogni caso praticamente tutta l’Italia, salvo eventi di particolare gravità, dovrebbe essere colorata di bianco da lunedì 14 giugno. Ma per il momento soltanto alcuni territori hanno avuto la possibilità di cambiare colorazione. Abbandoneranno la cromia del giallo e potranno respirare ancora di più, in virtù dell’ulteriore miglioramento dei dati derivanti dall’evolversi della pandemia.

Roberto Speranza Zone bianche Friuli-Venezia Giulia Molise Sardegna

A partire da lunedì 31 maggio saranno dunque in zona bianca queste tre regioni della nostra Penisola: Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna. Per quanto riguarda le altre regioni e province autonome, bisognerà dunque attendere ancora un po’. Resteranno tutte in zona gialla, ma fortunatamente non si è registrato alcun peggioramento e quindi nessuna regione è tornata nella classificazione arancione. Decisive le indicazioni giunte dalla cabina di regia, che ha valutato attentamente i dati della settimana.


Zona Bianca Ordinanza Roberto Speranza Regioni Friuli Venezia Giulia Molise Sardegna

Ci sono comunque una decina di regioni in procinto di raggiungere la zona bianca. In particolare, hanno dati in sensibile miglioramento Abruzzo, Liguria, Veneto, Umbria, Lombardia, Emilia-Romagna, Lazio, Piemonte, Puglia e la provincia autonoma di Trento. Ma ci sono buoni risultati anche per la Sicilia. Questi territori regionali dovranno solamente pazientare ancora alcuni giorni e poi potranno ottenere lo stesso obiettivo, raggiunto in queste ore da Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna.

Quindi, ricapitolando, la zona bianca prevede il mantenimento delle sole regole anti-contagio. Ovvero bisognerà comunque rispettare il distanziamento, l’igiene specialmente delle mani e le mascherine. Subito l’ok a fiere, congressi, parchi a tema e feste di nozze (prima previste per il 15 giugno. Via libera anche a piscine al chiuso, sale giochi, stabilimenti termali e palazzetti dello sport.