Coronavirus Italia, le vittime salgono a 7: morta donna di 62 anni

Coronavirus in Italia, le vittime salgono a 7. Come riporta Il Corriere della Sera, si tratta di una donna di 62 anni di Castiglione d’Adda morta all’ospedale di Como. Il bilancio dei morti sale così a 6 in Lombardia e 1 in Veneto. Tra le vittime delle ultime ore un 84enne ricoverato all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, morto in mattinata di lunedì 24 febbraio, e un 88enne originario di Caselle Landi.

L’84enne era “una persona anziana con altre patologie” ha spiegato il presidente della Lombardia, Attilio Fontana, a ‘Radio anch’io’ su Radio Rai 1. In precedenza, il bilancio registrava 229 persone contagiate – tra le quali 6 decessi e una persona dimessa. Il commissario straordinario per l’emergenza, Angelo Borrelli, ha specificato che le persone positive che sono ancora affette dal virus sono 222, confermando che “non ci sono altri focolai” e non “ho avuto conferma di legami tra i focolai”. (Continua dopo la foto)


“Il numero dei contagiati è arrivato a 172” ha confermato il governatore lombardo, Attilio Fontana. “La popolazione sta reagendo positivamente alle misure emesse, accaparrarsi il cibo è inutile”, ha commentato Fontana, che ha espresso “grande fiducia che misure daranno risultati” ed è tornato a invitare la popolazione “usare il numero 800.89.45.45”. (Continua dopo la foto)

L’epidemia di coronavirus (Covid-19) è scoppiata in Cina alla fine del 2019 e da lì si è diffusa in 28 Stati. L’Italia è il terzo Paese al mondo per numero di contagi, dopo la Cina (oltre 77mila) e la Corea del Sud (763): in base all’ultimo bollettino, come detto, sono 219 i casi accertati nel nostro Paese (contando anche i decessi e chi era malato ma è poi guarito). Sette persone che avevano contratto il virus sono morte. (Continua dopo le foto)

{loadposition intext}
Le misure attivate dalle autorità locali per contenere l’epidemia coinvolgono oltre 50mila persone: i comuni in quarantena sono undici, in Lombardia è in vigore un provvedimento che prevede, tra le altre cose, la chiusura delle scuole. La direzione regionale Lombardia dell’Inail, inoltre, ha disposto la chiusura di tutti gli sportelli amministrativi (aziende e lavoratori) e degli ambulatori medici presenti sul territorio. Le sedi restano comunque operative ed è garantito il presidio dei canali telematici e telefonici come rende noto un comunicato dell’Inail.

“Sciacalli in azione”. Coronavirus Italia, l’allerta delle autorità: cosa hanno scoperto