“Tutta l’Italia in arancione scuro”. Covid, come sarà il nuovo lockdown: chiusure e divieti

La chiamano zona arancione scuro: tradotto un lockdown soft per qualche settimana allo scopo di fermare l’avanzata delle varianti del Coronavirus. Si tratta della proposta più importante che stanno valutando il governo di Mario Draghi e il ministro della Salute Roberto Speranza per prendere una decisione entro il 25 febbraio. L’Italia potrebbe essere colorata di arancione scuro così come ha anticipato il presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini: “Io credo che sarebbe il caso, nelle prossime ore, di trovarci tra governo e regioni, per capire se non valga la pena una restrizione per qualche settimana omogenea cercando anche di andare a rivedere le regole perché per esempio quello dei bar e ristoranti è il settore più penalizzato di tutti”.

Come si legge sul Corriere della Sera, il piano di Bonaccini prevede di modificare ampiamente il sistema di divisione per fasce e dovrebbe trasformarsi in un documento da presentare a Draghi, Speranza e Gelmini. La proposta della zona arancione per qualche settimana allo scopo di arginare le varianti prevede che si cambi il sistema delle aperture e delle chiusure che disorientano i cittadini e penalizzano i titolari degli esercizi commerciali. (Continua dopo la foto)


Come spiega il quotidiano La Stampa, la proposta di Bonaccini prevede di sospendere per un po’ l’altalena dei colori per tingere l’Italia tutta d’arancione nei giorni feriali, “e di arancio scuro” nei weekend, dice, pensando al rafforzamento delle misure anti-assembramenti. Tale proposta vede l’approvazione di Fontana (Lombardia), Giani (Toscana): il semi-lockdown di due, tre settimane piace anche a Zingaretti, De Luca e Cirio. (Continua dopo la foto)

Pertanto sono al vaglio tre ipotesi di piani di restrizioni da varare in tutta Italia a partire dal 25 febbraio. La prima ipotesi prevede la sospensione del sistema di zone gialle, arancioni, rosse e bianche per portare una stretta da zona arancione scuro nei giorni feriali. Stretta rafforzata nel weekend chiudendo i centri commerciali oltre a bar e ristoranti. La seconda ipotesi prevede il modello Natale: nei feriali tutta l’Italia in arancione e fine settimana in rosso lockdown. La terza è quella più radicale e prevede anche la chiusura delle scuole. (Continua dopo la foto)

{loadposition intext}

Nel frattempo 3 regioni passano in zona arancione: si tratta di Campania, Emilia Romagna e Molise: ora sono 8 le regioni dove da domenica 21 febbraio saranno chiusi bar e ristoranti per tutta la giornata e sarà possibile spostarsi dal proprio comune solo per motivi di lavoro, salute e necessità. In Italia la situazione è in peggioramento dovuta alla diffusione delle varianti, così come sottolinea il report settimanale del ministero della Salute. Gli esperti dell’Istituto superiore di Sanità tornano a ribadire la necessità di ridurre le interazioni tra i cittadini e innalzare le misure su tutto il territorio nazionale.

“Vi è sfuggita la bomba di Dayane Mello…”. Rosalinda Cannavò a bocca aperta al GF Vip