“Cosa è successo con la figlia”. Stash, vengono fuori i fatti dopo la bufera e le polemiche sulla piccola Grace

La compagnia che gestisce lo scalo di Pescara risponde, per le rime, a Stash. Il cantante dei The Kolors nonché giudice nell’ultima edizione di Amici aveva lanciato pesanti accuse in merito ad un episodio capitato alla sua fidanzata Giulia Belmonte e alla loro figlia di 5 mesi, Grace. “Questa mattina avevo un volo – le parole di Giulia – sono arrivata in aeroporto e mi hanno detto che c’erano problemi con il biglietto”.

“Io (trattata male dal personale, ma non voglio fare di tutta l’erba un fascio perché ci sono state persone gentili) con una bambina di cinque mesi ad aspettare che gli addetti si degnassero di rispondermi”. Il cantante su una story Instagram ha invece scritto: “Questa è la foto che immortala mia figlia mentre subisce (a 5 mesi di età) la prima angheria da parte di una persona talmente schifosa da non avere cuore neanche davanti a un neonato”.


Parole molto dure, alle quali venerdì 21 maggio, a 24 ore di distanza dall’accaduto, la Saga, azienda che gestisce l’aeroporto di Pescara, ha risposto. La versione della struttura chiarisce molti aspetti della vicenda: “In merito a quanto verificatosi ieri – recita la nota inviata ai media – relativamente al volo in partenza per Milano Linate, e alle dichiarazioni riportate da alcuni organi di informazione social-web, si precisa quanto segue: la passeggera si presentava ai controlli di sicurezza 15 minuti dopo il previsto orario di chiusura del volo…”.

Non solo, la Saga aggiunge altri dettagli importanti: “La passeggera (Giulia, fidanzata di Stash, ndr) non era provvista di regolare biglietto per l’infante. Il sistema di biglietteria della compagnia aerea non permette l’emissione di biglietti per voli già chiusi. Tali regole sono le medesime su tutto il network del vettore”. A questo punto chissà come reagirà il cantante, di certo la durissima presa di posizione sia di Stash, che aveva parlato di ‘angheria’, sia della compagna, viene letta sotto tutt’altra luce oggi.

“La mia esperienza con l’aeroporto di Pescara – la story di Giulia Belmonte – è totalmente negativa. Mi hanno rimbalzata da uno sportello all’altro senza che nessuno sapesse darmi spiegazioni e senza che nessuno riuscisse a risolvermi il problema. La mia esperienza con Alitalia? Ancora più negativa: la responsabile poco carina, il call center del tutto assente (ho provato a chiamare più volte senza ricevere risposta) e, come ho già scritto, nessuno è riuscito, nessuno ha provato a trovare una soluzione, sono stata completamente ignorata e alla fine io e Grace siamo tornate a casa. Duecento euro di biglietto buttati al vento e ne abbiamo acquistato un altro”.

“Ha solo 5 mesi”. Stash è una furia. Davanti a quello che è successo alla figlia Grace non riesce a stare zitto