Paola Barale verità fine matrimonio Gianni Sperti

“Cosa mi ha fatto”. Paola Barale e Gianni Sperti, anni di silenzio e solo oggi la verità: perché si sono lasciati

Parole destinata a non passare inosservate quelle pronunciate da Paola Barale nell’intervista rilasciata a Verissimo domenica 9 gennaio 2022. La conduttrice ha parlato dei due famosi ex – Gianni Sperti e Raz Degan – e non ci è andata leggera. “Ho solo ricordi sbiaditi”, ha detto Paola Barale. “Sono state persone molto poco leali con me e non ho voglia di farmi raccontare bugie”.

Sposati per soli tre anni, Paola Barale e Gianni Sperti non hanno mai raccontato il motivo della separazione e poi del divorzio. All’epoca dell’addio non mancarono i pettegolezzi, anche quelli più spietati, soprattutto in merito all’orientamento sessuale dell’opinionista di Uomini e Donne ed ex ballerino.

Paola Barale verità fine matrimonio Gianni Sperti

Poi il lungo fidanzamento con Raz Degan, dal 2002 al 2015, con la fine annunciata sui social: “Sono stati anni travolgenti dove insieme siamo cresciuti e il nostro amore si è trasformato“, aveva scritto Paola Barale sui social. Ospite nel salotto di Silvia Toffanin, dopo anni di silenzi la conduttrice ha parlato dei suoi ex, svelando i motivi della fine delle sue relazioni.


Paola Barale verità fine matrimonio Gianni Sperti

“Ho subìto mancanze importanti in ogni relazione, soprattutto mancanza di verità – detto Paola Barale – Ora ho imparato a stare da sola e mi voglio molto bene. Solo che quando ti abitui a stare sola è difficile far entrare qualcuno nella vita. Non sono riuscita a restare amica dei miei ex. Più in alto cadi e più male ti fai. Alla fine della fiera sia Gianni che Raz con me si sono dimostrati nello stesso modo”.

“Nessuno dei due ha avuto il coraggio di dimostrarsi per ciò che sono, non hanno avuto il coraggio di essere loro stessi, di mostrare la loro vera natura. Sono fatti della stessa essenza. Tutti mi dicono di ricordare i momenti belli, ma quando vedi le cose per come sono tutto assume un significato diverso. È come se un giorno ti dicessero che la Gioconda è un fake, – ha concluso – ti senti presa in giro”.