Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Padre sorelle Selassié condannato a sei anni di carcere

“Una bruttissima notizia su vostro padre”. Jessica, Lulù e Clarissa Selassié: choc in famiglia

  • Gossip

Il padre delle sorelle Selassié è stato condannato in primo grado per aver estorto attraverso una truffa complicatissima ben 13 milioni di franchi (oltre tredici milioni di euro) a tre ricchi imprenditori elvetici. Grazia alla loro denuncia sono scattate le manette ai suoi polsi, nel giugno del 2021, mentre si trovava in Lussemburgo.

L’udienza del processo al 66enne Giulio Bissiri alias Makonnen Hailé Selassie, sedicente principe nipote del Negus d’Etiopia, si è svolta nel tribunale penale di Lugano. Bissiri, attualmente in carcere a Lugano, padre delle tre ex concorrenti del Grande Fratello Vip Jessica (vincitrice), Lucrezia, e Clarissa, si è dichiarato innocente. Il padre delle sorelle Selassié è stato condannato per una truffa milionaria.

Leggi anche: “Ci sono le prove”. Nuova bomba contro le principesse Selassiè, fuori dal GF Vip scoppia il caso

Padre sorelle Selassié condannato a sei anni di carcere


Il padre sorelle Selassié condannato a sei anni di carcere

Giulio Bissiri, figlio di un giardiniere italiano che lavorava nel palazzo del Negus, avrebbe convinto i discendenti dell’Imperatore d’Etiopia finiti sul lastrico e sull’orlo della bancarotta a firmagli una delega che lo indicava come terzo in linea di successione al trono e grazie a quelle carte è riuscito a entrare nei circoli vip di mezza Europa. A questo punto è iniziata la truffa. Il padre delle sorelle Selassié raccontava di essere in possesso di bond tedeschi emessi nel 1922, quando ‘suo nonno’ era Imperatore d’Africa, tuttora validi ed esigibili per un controvalore di miliardi di euro.

Padre sorelle Selassié condannato a sei anni di carcere

Per entrare in possesso del tesoro di famiglia avrebbe dovuto portare avanti un’azione legale molto costosa e per questo motivo chiedeva a degli sponsor del denaro in cambio di una cospicua ricompensa una volta intascata l’eredità. Con questa escamotage, Giulio Bissiri è riuscito a impossessarsi di 13 milioni di franchi dal 2007 al 2017.

Come spiegato da Chiara Borelli, il procuratore pubblico “Giulio Bissiri ha agito per permettersi una vita da nababbo – si legge nella sua sentenza – senza mostrare scrupoli”. Il padre delle sorelle Selassié, che a questo punto non sono principesse come hanno sempre sostenuto, è ritenuto colpevole di “truffa per mestiere e falsità in documenti ripetuta”.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004