Lino Guanciale, il sexy volto delle fiction lo confessa per la prima volta: “Meraviglia!”

L’attore Lino Guanciale è uno dei più apprezzati dai telespettatori Rai. Oltre ad essere protagonista ne ‘Il commissario Ricciardi’, è intento a girare riprese nelle fiction ‘L’Allieva’ e ‘La Porta Rossa’.

L’attore Lino Guanciale è uno dei più apprezzati dai telespettatori Rai. Oltre ad essere protagonista ne ‘Il commissario Ricciardi’, è intento a girare riprese nelle fiction ‘L’Allieva’ e ‘La Porta Rossa’. Ma non è tempo solo di pensare alla sua ottima carriera professionale. Per lui si sono infatti aperte le porte dell’amore.

La storia con l’attrice di teatro Antonietta Bello è ormai alle spalle ed ora Lino ha concesso il suo cuore ad una ragazza non famosa, che dunque non ha mai fatto parte del mondo dello spettacolo. L’attore è stato intervistato dal settimanale ‘Mio’ e qui ha svelato tutte le notizie che i fan stavano attendendo con trepidazione. (Continua dopo la foto)


“Come procede la vita sentimentale? Molto bene, il cuore funziona alla grande perché c’è una pulizia e tanta serenità nel rapporto con la mia ex compagna, mentre con la mia nuova partner le cose procedono benissimo. Sono felice ed appagato”, ha confessato Guanciale. (Continua dopo la foto)

La nuova sua dolce metà si chiama Antonella ed è una ricercatrice all’università ‘Bocconi” di Milano. La coppia si è conosciuta proprio nell’ateneo lombardo, dove l’attore 40enne si era recato per tenere una lezione di recitazione agli studenti universitari. E pare proprio che il loro amore sia già in fase avanzata. (Continua dopo la foto)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Buona giornata mondiale del bacio… in corner, ma vale ancora 🙂 #giornatamondialedelbacio

Un post condiviso da Lino Guanciale (@lino_guanciale_official) in data:

Infatti, secondo quanto riportato dal settimanale ‘DiPiù’, Lino ha già presentato la sua fiamma ai genitori ed al fratello. Guanciale è nato ad Avezzano, in provincia dell’Aquila, il 21 maggio del 1979. Prima di iscriversi e diplomarsi nel 2003 all’Accademia nazionale d’arte drammatica a Roma, aveva avuto alcune avventure nel mondo del rugby nella sezione Nazionale Under 16 e Under 19. A livello cinematografico, nel 2019 è protagonista nei film ‘Lectura Ovidii’ del regista Davide Cavuti e ‘La freccia del tempo’ di Carlo Sarti. Nella sua carriera si annoverano anche esperienze come giornalista alla Mostra del Cinema di Venezia nel 1998, coordinatore dell’Ufficio Teatro del Comune di Avezzano e co-conduttore con Tullio Solenghi alla cerimonia finale del premio ‘Le maschere del teatro italiano 2019’. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti: l’ultimo è stato il ‘Premio Charlot 2019’ sezione fiction. Ha inoltre scritto il libro ‘Esperimenti di teatro in un’aula di chimica’ insieme a Catia Contado e Diana Manea e la postfazione del libro ‘Le Vite’ di Davide Cavuti.

“È arrivato il momento”. Walter Nudo lo ha annunciato senza giri di parole: la decisione