“Che curve!”. Francesca Pascale, lo scatto pazzesco della compagna di Berlusconi

Un periodo particolare per la coppia Francesca Pascale – Silvio Berlusconi. Da una parte lui, ricoverato dopo essere caduto nella ressa per i selfie a Zagabria, dove era impegnato nei lavori del congresso del Ppe. Rientrato in Italia come da programma alla fine del congresso con un aereo Fininvest nella clinica La Madonina di Milano, è stato sottoposto a tutti i controlli del caso.

L’ex premier ha riportato solo una contusione, anche se in un primo tempo si era temuto si trattasse di una frattura del femore. È proprio lei che tranquillizza il mondo della politica e dice: “Sta bene, finalmente esce”. Francesca Pascale, compagna di Silvio Berlusconi, è uscita dalla casa di cura La Madonnina di Milano, in cui è ricoverato il Cavaliere dopo la caduta a Zagabria. Continua a leggere dopo la foto


“Bene”, ha risposto salendo in auto a chi le ha chiesto come stesse il leader di Forza Italia. Conferma il professor Alberto Zangrillo, medico di fiducia di Berlusconi: “Sta bene”, ha risposto ai giornalisti uscendo dalla clinica nel centro del capoluogo lombardo. Poco dopo questa disavventura la bella Francesca si è fatta immortalare con una tuta di pelle e intenta a cavalcare una fantastica Yamaha. Continua a leggere dopo la foto

Lei, in effetti, da qualche anno ha una vera e propria passione per le moto. Silvio Berlusconi non aveva voluto regalarle una Harley Davidson nel 2013 per Natale perché la considerava troppo pericolosa. Ma lei se l’era regalata da sola, ricorda il Tempo. Continua a leggere dopo la foto

{loadposition intext}
Ora la Pascale, con un post su Instagram e diverse foto ha confessato di aver “ceduto” a un nuovo amore: “Oggi l’Harley Davidson fa un po’ di spazio nel mio cuore. Ho una nuova fiamma, completamente un altro pianeta, la velocissima Yamaha MT -07”. La prova, con tanto di istruttore che ha dato a Francesca Pascale alcune indicazioni di guida, è avvenuta all’autodromo di Modena.

Ti potrebbe anche interessare: “Nel nome di Nadia Toffa”. A tre mesi dalla morte, la lodevole decisione della famiglia