Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Ema Stokholma dj droga

“Fa uso pesante di droga”. Ema Stokholma smaschera il vip italiano, tweet choc e bufera

  • Gossip

Ema Stokholma dj droga. “C’è un noto dj italiano che fa uso pesante di droga. Io vi vedo, tutti finti amici, che fate festa insieme a lui. Se gli succederà qualcosa spero di non leggere i vostri post di dolore. Fate qualcosa per aiutare le persone in difficolta Cristo!”.

Ha fatto scalpore il tweet di Ema Stokholma, la conduttrice di Rai Radio2 che su Twitter ha lanciato un appello agli amici di un famoso dj che farebbe ”uso pesante di droga”. Nata e cresciuta in Francia, Morwenn Moguerou, in arte Ema Stokholma, è una dj, conduttrice radiofonica e modella di successo. Viso carismatico e corpo scolpito esordisce nel mondo della moda a 15 anni per firme prestigiose, poi la passione per la musica che l’ha portata a essere una delle dj più affermate, sempre in giro in locali “in”.

Ema Stokholma dj droga


Ema Stokholma dj droga, il tweet sul famoso artista: “Aiutatelo”

Tra i commenti c’è chi chiede alla conduttrice l’identità del dj, che ovviamente resta anonimo, e commenta insieme ai suoi follower. “Non dovresti frequentare ambienti del genere. Esistono ancora noti Dj italiani? Parlo da quarantenne ormai ritirato da anni dal mondo della notte” le scrive un follower e lei replica: “Non frequento ma vedo tutto su Instagram”, risponde Ema Stokholma.

Ema Stokholma dj droga

“La coca è una cazzo di piaga sociale, – si legge tra i commenti del tweet postato dalla conduttrice radiofonica – tutti con la testa sotto la sabbia, la droga distrugge generazioni su generazioni però nessuno ne parla…che sarà mai una botta ogni tanto…però legalizzare la Marijuana nn sia mai, da li alle pere e via diretta…”.

Ema Stokholma dj droga. il tweet ha innescato una lunga discussione, ma pochi giorni prima un altro tweet della conduttrice radiofonica aveva scatenato commenti, critiche ma anche molti applausi dopo il tweet sul documentario di Gianluca Vacchi, Mucho Mas: “Perché mi è piaciuto guardare Mucho Mas, il ‘docu’ di Gianluca Vacchi – twetta – Perché l’ho guardato come se fosse Sharknado (un film di genere catastrofico reputato trash, ndr), perché ho apprezzato un po’ di più la mia vita e i miei amici, perché ho capito che la paura di invecchiare ti impedisce di vivere”.

Musica in lutto, malore durante il concerto. La corsa in ospedale, ma il cantante muore in ambulanza


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004