“Ecco cosa hanno fatto a mio figlio”. Elena Santarelli choc, sono tutti con lei: “Che schifo…”

Elena Santarelli, un incubo durato 2 anni. Purtroppo la notorietà e il successo, alle volte, non sempre restituiscono un risvolto sperato. La modella negli utlimi 2 anni ha raccontato di essere stata perseguitata da una hater che avrbebe agito attraverso la creazione di account falsi. Lesa non solo la sua immagine ma anche quella del piccolo Giacomo, nato dall’amore tra la modella e Bernardo Corradi. Ecco le sue dichiarazioni in merito alla questione alquanto delicata.

Purtroppo il piccolo Giacomo ha lottato la sua prima grande battaglia contro un male terribile. Correva il 2017 quando al figlio di Elena Santarelli e di Bernardo Corradi è stato diagnosticato un tumore cerebrale. Il piccolo Giacomo, nel 2019, sembra esserne uscito vittorioso, ma nonostante questo l’incubo è stato tirato in ballo dall’hater in questione.

Elena Santarelli hater denuncia messaggio

Al piccolo Giacomo è stato augurato di ammalarsi nuovamente di cancro, parole spregevoli che hanno decisamente scosso l’animo dei genitori e di cui Elena Santarelli si è detta stanca di subire ancora: “Quanto ti vorrei vedere in faccia per capire che schifo di essere umano sei. Ti vorrei portare nei reparti di oncologia a farti vedere che vita fanno i bambini!”.


Elena Santarelli hater denuncia messaggio

Una persecuzione durata 2 lunghi anni taciuta, ma che oggi viene pubblicamente riferita dalla diretta interessata, vittima di un hater senza alcun cuore: “Segnalatela in massa, cambia profilo ogni due settimane e ogni 2 settimane augura a mio figlio che torni il cancro nel linguaggio che lei preferisce, lo fa così o in un altro modo. Instagram dovrebbe impedire a certe persone di stare sui social”.

Elena Santarelli hater denuncia messaggio
Elena Santarelli hater denuncia messaggio

“Ho fatto di tutto per segnalarti, di tutto e non aggiungo altro”, dichiara pubblicamente attraverso un post Elena Santarelli, con la speranza viva che persone del genere possano davvero essere fermate nel perpetuare parole di odio.