“Ma che roba è?!”. Belen, la nuova camera di Santiago raccoglie solo critiche feroci. La bufera sotto le foto

Belen Rodriguez nel vortice delle polemiche. Non è più una novità per la showgirl e conduttrice argentina di essere presa di mira da alcuni hater. Questa volta ad attirare le critiche da parte di alcuni utenti sarebbe stata la foto della nuova cameretta del figlio Santiago. Pare che a qualcuno il dettaglio non sia passato del tutto inosservato. Ecco cosa è successo nelle ultime ore a casa Rodriguez.

Santiago ormai sta crescendo e avere una cameretta appropriata per la sua età è davvero diventata una necessità. Uno spazio dove giocare, ma anche dove poter trovare la concentrazione da dedicare durante le ore di studio. Mamma Belen non poteva che sistemare tutto alla perfezione e la nuova cameretta del figlio non poteva che essere mostrata anche in ‘diretta’.

Belen Rodriguez critiche cameretta Santiago

Nonostante tutte le buone intenzioni dimostrate come sempre da Belen, il momento di condivisione del nuovo arredamento pensato per Santiago si è trasformato nell’ennesimo tentativo di minare la tranquillità della modella argentina. Poco dopo aver mostrato a tutti le foto della nuova cameretta del figlio, ecco quali sono stati i commenti.


Belen Rodriguez critiche cameretta Santiago

Letto super comodo e confortevole, a una piazza e mezzo, per sonnellini rigeneranti ma anche per guardare comodamente disteso qualche cartone animato sotto le coperte. Ma questo è solo una parte della struttura a soppalco pensata per Santiago. Infatti nella parte sottostante mamma Belen ha ben pensato di allestire l’area giochi, con pupazzetti e cuscini. A completare il tutto, la scrivania e una cassettiera e tanto altro spazio a volontà.

Belen Rodriguez critiche cameretta Santiago
Belen Rodriguez critiche cameretta Santiago

Cosa non quadra? Pare che il commento sia arrivato puntuale a spezzare la felicità del momento: “È brutta e spenta e pesante per un bambino”, seguito da un altro “Orribile” e ancora: “Non mi piace, morirà di caldo d’estate per dormire là dentro”, “Incapsulato”. Insomma, i gusti sono personali, non credete?