Linkedin, il più grande social network per professionisti. Ma come muoversi nel modo giusto per far parlare di sé? Ecco utili consigli per far parte della rete con successo (e magari trovare lavoro)

 

LinkedIN è il social network professionale più diffuso in Italia. Nasce con il principio del networking: si occupa principalmente di reti di contatti professionali e ha per scopo quello di creare e intrattenere relazioni online, sulla base però dei contatti lavorativi. Anche l’iscrizione è molto semplice al pari di quella per Facebook: si crea un profilo con le proprie credenziali e si entra far parte della rete. Tuttavia è necessario sapersi districare nel modo giusto sul social network: creare un profilo ragionevole non è la sola arma per aumentare i propri contatti.

È necessario farsi conoscere e farlo nella maniera migliore. A tal proposito sulla versione on line di Panorama è stato pubblicato un articolo in cui si parla proprio del modo giusto di muoversi su LinkedIN.


(Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

Il primo passo da eseguire, dopo aver minuziosamente completato tutti i campi del profilo è crearsi una rete di contatti: “Contatti di qualità – specifica Panorama – Poco conta che abbiate legami con 5mila perfetti sconosciuti che fanno un po’ di tutto nella vita. Scegliete il vostro gruppo, fatelo come non vi è stato dato di fare in ufficio, a scuola, all’università, qui potete! Ma a chi connettersi? A chi fa ciò che ci occorre. Stiamo cercando lavoro? Connettiamoci ai Responsabili Ricerca & Selezione. Come? Sfruttando la Ricerca Avanzata, che ci consente peraltro di filtrare per area geografica, ruolo, settore ed andare ad individuare esattamente i contatti ai quali vogliamo connetterci”.

In secondo luogo è utile iscriversi a gruppi, che dovranno ovviamente essere coerentemente in linea con i propri interessi: “Sono molto importanti – continua Panorama – le University Pages per ritrovare compagni di corso, ma anche farsi un’idea pratica di cosa abbiano scelto loro per il proprio futuro professionale; iscriversi alle Company Pages, pagine aziendali che sono ovviamente linkate a contatti che lavorano presso le relative aziende e sulle quali, tra le altre info, compaiono anche le ricerche di personale; prendere parte alle discussioni e condividere con il gruppo di turno le nostre competenze”. Come ogni social network, LinkedIn amplifica ogni informazione che viene immessa, sia in positivo (accrescendo la visibilità che è possibile garantirsi) che in negativo, ingigantendo dettagli insignificanti.

Infine Panorama propone un consiglio: “Il vantaggio di una rete è nella sua stessa costituzione. Proprio come i selezionatori setacciano il web in cerca di profili interessanti a fini lavorativi, a noi non resta che muoverci nello stesso modo per intercettare opportunità. L’importante è non limitarsi mai al semplice invio del curriculum”.

Facebook, avete mai cercato il vostro nome sul social? Ecco cosa è successo a questo utente (davvero una brutta sorpresa)

Pubblicato il alle ore 11:15 Ultima modifica il alle ore 11:32