Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
In fila per la regina

“Guardate, è lui!”. Super vip, ma in fila (da 12 ore) per omaggiare la regina Elisabetta

  • Costume

In fila per la regina, come tutti i sudditi. Così è stato fotografato uno dei personaggi più illustri e amati d’Inghilterra, tra la folla in coda per rendere omaggio a Elisabetta II, la sovrana più longeva del Regno Unito scomparsa giovedì 8 settembre al Castello di Balmoral, la residenza privata della famiglia reale britannica, situato nella zona dell’Aberdeenshire, in Scozia.

Da mercoledì 14 settembre il feretro di Elisabetta II si trova alla Westminster Hall per l’ultimo saluto. La camera ardente è stata aperta dopo un lungo corteo partito da Buckingham Palace, con al seguito i familiari più stretti della regina Elisabetta, i figli (re Carlo III, Anna, Andrea ed Edoardo), il genero, il cugino e i nipoti William e Harry.

In fila per la regina


In fila per la regina, la foto di David Beckham insieme ai sudditi

È proseguita per tutta la notte e continua oggi, fino a alle 6.30 di lunedì 19, quando si terranno i funerali di Stato della sovrana, la processione silenziosa di cittadini britannici davanti al feretro della regina Elisabetta II. Il palazzo di Westminster Hall resterà aperto 24 ore su 24 con una fila chilometrica di persone in rigorosa fila che attendono il proprio turno. E qui, in fila come tutti i sudditi, è stato intercettato anche David Beckham.

In fila per la regina

in fila come tutti i sudditi, l’ex calciatore si è unito alle migliaia di persone in attesa per rendere omaggio personalmente alla regina Elisabetta II. Intervistato dalle emittenti tv, la leggenda del Manchester United è arrivato alle 2 del mattino: “Pensavo che venendo alle 2 del mattino sarebbe stato un po’ più tranquillo. Mi sbagliavo. Tutti lo hanno pensato”, ha detto a ITV . Dopo aver raggiunto l’Abbazia, un emozionato Beckham è stato catturato nel live streaming dedicato asciugandosi le lacrime dagli occhi.

Mentre era in fila con gli altri sudditi, l’ex calciatore ha ricordato il momento speciale in cui gli è stato dato un OBE nel 2003. “Un momento speciale che ricorderò per sempre è stato ricevere la mia OBE. Ho portato con me i miei nonni, che sono stati quelli che mi hanno cresciuto e mi hanno tramandato la devozione per la famiglia reale inglese”.

Regina Elisabetta, sepolta senza l’anello di fidanzamento: a chi andrà il gioiello


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004