“Vuole togliermi i bimbi”. Veronica, arsa viva dal marito: aveva 31 anni

È stata cosparsa di alcol e data alle fiamme. Verónica Soulé, 31 anni, è morta bruciata dal marito, Lisandro Cabrala a Casas (dipartimento di San Martín), in Nuovo Messico. L’uomo ha provato a difendersi dicendo che la moglie si era data fuoco da sola e che lui aveva provato spegnerla ma è stato arrestato con l’accusa di omicidio. A dare l’allarme è stata la mamma di Veronica che vive nella casa accanto a quella della famiglia. La sorella della vittima, così come altri vicini, hanno raccontato di aver sentito forti grida provenire dalla casa intorno alla mezzanotte.

I due avrebbero avuto una brutta discussione fino a quando l’uomo non è andato a casa della suocera dicendo che Veronica si era data fuoco. Immediati sono stati i soccorsi, la 31enne è stata portata in ospedale, ma le ustioni riportate erano talmente gravi che è morta poco dopo. Quando la mamma e le sorelle sono andate in casa della vittima l’hanno trovata in bagno in una pozza di acqua e cenere. (Continua a leggere dopo la foto)


Prima di svenire tra le braccia della mamma però Veronica avrebbe detto che il marito le avrebbe voluto portare via i ragazzi, così la donna ha raccontato tutto alla polizia. Le autorità sono convinte che autore della violenza sia stato il marito che è stato arrestato con l’accusa di omicidio. (Continua a leggere dopo la foto)

L’uomo, che ha riportato gravi ustioni alle mani, continua a negare dicendo di aver provato ad aiutare la moglie che si sarebbe data fuoco da sola. Una vicenda che per certi versi ricorda quella della donne che rinchiude la figlia in casa dandole solo cibo per gatti da mangiare. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}
Lo avrebbe fatto per proteggerla ha detto la donna pensionata che dall’età di 16 anni ha chiuso in uno scantinato la figlia Nadezhda Bushueva tenendola insieme ai gatti lontano dal mondo e dalle sue insidie. La donna anziana per anni ha tenuto chiusa in casa la figlia dandole da mangiare solo cibo per gatti, gli unici esseri viventi con cui condivideva lo scantinato.

Di Gianluca Salza

Ti potrebbe anche interessare: “Avevi tanti sogni”. Gabriele, morto a 28 anni il giorno della sua laurea

Pubblicato il alle ore 08:00 Ultima modifica il alle ore 11:56