terremoto messico acapulco

Violento terremoto nella notte, 7.0 Richter: crolli e paura in Messico. “È stato terribile”

Ore di terrore nella notte in Messico, dove una forte scossa sismica ha colpito Acapulco, causando almeno una vittima. L’epicentro del terremoto è stato registrato 11 chilometri a sudovest della città messicana, nello stato meridionale di Guerrero, l’ipocentro a 10 chilometri di profondità. La scossa ha avuto magnitudo 7.0 secondo il Geological Survey statunitense, 7.1 secondo il servizio sismologico messicano, Ssn. Dalle prime immagini ci sono state frane e danni agli edifici, la violenta magnitudo ha scosso le colline intorno alla città abbattendo alberi e lanciando grandi massi sulle strade.

Riguardo l’uomo deceduto a Coyuca de Benítez, una cittadina a ovest di Acapulco, si sa che è rimasto schiacciato dalla caduta di un palo. A darne conferma è stato il governatore dello stato Héctor Astudillo Flores, intervistato dalla televisione locale. La scossa è stata avvertita a Città del Messico, situata a circa 300 chilometri di distanza dalla zona dell’epicentro: il sindaco Claudia Sheinbaum ha riferito su Twitter di segnalazioni relative a gravi danni materiali.

Terremoto in Messico, la situazione

Poco dopo il violento sisma, il National Tsunami Warning Centre americano ha lanciato l’allarme per la possibilità di un’onda anomala sulla costa pacifica di Guerrero. L’allarme è stato poi revocato. Acapulco si trova a circa 320 Km di distanza da Città del Messico dove, nel quartiere centrale di Roma Sur, i palazzi hanno tremato e le luci si sono spente costringendo i residenti – spaventati – a precipitarsi all’aperto indossando poco più del pigiama.

I residenti si sono accalcati insieme sotto la pioggia, tenendo in braccio bambini piccoli o animali domestici. “È stato terribile, ricorda il terremoto del 1985”, ha dichiarato Yesmin Rizk, un 70enne residente a Roma Sur.

terremoto messico acapulco

L’azienda elettrica statale messicana, la Comisión Federal de Electricidad, ha dichiarato che la fornitura di energia interrotta a causa del terremoto ha riguardato 1,6 milioni di utenti tra Città del Messico, nell’adiacente Stato del Messico e negli stati di Guerrero, Morelos e Oaxaca.

Pubblicato il alle ore 09:05 Ultima modifica il alle ore 09:21