“Sono costretto a vivere così”. Il super vip sull’orlo della rovina, l’allarme del suo avvocato

Non è il primo e non sarà l’ultimo personaggio del mondo dello spettacolo a finire sul lastrico. Dai comici di casa nostra agli attori hollywoodiani la casistica è piena di attori caduti in disgrazia. Negli anni scorsi aveva fatto molto parlare il caso di Marco Milano, il comico diventato famoso grazie a Zelig (e al suo personaggio Mandi Mandi), che aveva perso tutto. Milani aveva raccontato il suo dramma l’ultima volta a Storie Italiane.

“Ho cercato di riprendermi. Ci stavo riuscendo, ma poi è arrivato il covid. Avrei dovuto fare due film a giugno ma ora è tutto bloccato. Sul pianeta Marco Milano c’è ancora tanta vita, ma io sono stato vittima di pregiudizi”. E ancora: ““Voglio pagare le tasse ma ho bisogno di lavorare. Ho ancora problemi con Equitalia, i miei commercialisti hanno sbagliato per anni la dichiarazione dei redditi. A loro arrivavano avvisi bonari ma non mi dicevano niente. È accaduto per molto tempo, fino a quando non ho accumulato una cifra esagerata e mi hanno pignorato casa”. Continua dopo la foto


E nella vita di Mandi Mandi non poteva che sopraggiungere anche un momento di depressione: “Ho pagato tasse in più che poi non mi hanno rimborsato, non mi hanno dato 19mila euro perché ho fatto richiesta troppo tardi. Non avrei dovuto pagare Irap, ad esempio, una tassa per dipendenti, perché non ne avevo, ma l’ho fatto per quattro anni, quindi ho fatto denuncia ma mi hanno risposto che erano passati 38 mesi, troppo tempo, e non avevo diritto al rimborso”. Continua dopo la foto

Ora a far parlare è il caso di Robert De Niro, secondo il suo avvocato, sull’orlo della bancarotta e costretto ad accettare qualsiasi ruolo cinematografico. Colpa, secondo il legale, delle pretese della moglie da cui si sta separando “che continua a sperperare denaro in abiti di Stella McCartney e in anelli con brillanti del valore di oltre un milione di dollari”. Continua dopo la foto

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da (@robert.a.de.niro)


{loadposition intext}
Lei e Grace Hightower, con cui l’attore si sposò nel 1997, si separò l’anno seguente e risposò per una seconda volta nel 2004 e con la quale ora sta portando avanti una una causa di divorzio da dicembre del 2018 e, dopo aver litigato per l’affidamento del figlio di nove anni, ora le discussioni riguardano esclusivamente denaro e proprietà. “De Niro – ha detto l’avvocato in tribunale – ha 77 anni, e non dovrebbe essere costretto a lavorare a questo ritmo forsennato, sei giorni a settimana e dodici ore al giorno, perché costretto a farlo. Potrebbe ammalarsi, e la festa è finita”.

Ti potrebbe interessare: Robert De Niro fa dietrofront: dopo l’ondata di polemiche ha deciso di rinunciare a quella scelta. Contro di lui si era mosso tutto il mondo della medicina