Neonato muore dopo il battesimo, era stato immerso tre volte nell’acqua

Una tragedia incredibile ha avuto come vittima un neonato. A morire è dunque stata una piccola creatura in seguito ad un rito religioso. Secondo quanto finora trapelato, pare che il bimbo sia deceduto in seguito ad un arresto cardiaco causato dall’immersione nell’acqua santa durante il battesimo. Aveva appena sei settimane di vita e, nonostante i soccorsi siano stati contattati tempestivamente, per lui non c’è stato niente da fare e i medici sono stati costretti a constatare il decesso.

Nei pressi della chiesa dove è avvenuta la tragedia si è fiondata un’ambulanza; i soccorritori hanno tentato di tutto per rianimarlo, invano. Lo hanno anche trasferito in modo urgente all’ospedale, ma alcune ore dopo il ricovero è arrivata la morte. Stando a quanto svelato dall’autopsia alla quale è stato sottoposto il neonato, nei suoi polmoni erano presenti dei liquidi. Aperta dunque un’indagine da parte dei magistrati, che stanno portando avanti l’ipotesi di omicidio colposo. (Continua dopo la foto)


Ad essere finito nel registro degli indagati è il sacerdote. I fatti si sono verificati in Romania, nella regione della Bucovina, all’interno della chiesa di San Costantino ed Elena. Il rito è stato fatto dagli ortodossi. In un’intervista rilasciata a ‘Monitorul de Suceava’, il papà del piccolo ha detto: “Il bambino piangeva, ma il prete lo ha sommerso tre volte nell’acqua e lui ha inalato acqua. L’ho preso, l’ho asciugato, dai medici ho scoperto che ha inalato 110 ml di acqua”, ha raccontato. (Continua dopo la foto)

In Romania sono tutti sotto choc e sono esplode le polemiche. Il padre della vittima ha aggiunto ancora: “Se vedessi un bambino con la bocca spalancata e piangere, non lo immergeresti completamente nell’acqua, giusto?”. Secondo quanto rivelato dagli organi di stampa rumeni, incidenti simili se ne sono verificati anche negli anni precedenti. Il portavoce della chiesa ha riferito: “Il prete di Suceava è stato sospeso dal servizio, non presterà servizio fino alla fine delle indagini”. (Continua dopo la foto)

Intanto, oltre 56 mila persone hanno deciso di sottoscrivere una petizione sul web, al fine di far cambiare immediatamente il rito battesimale ortodosso. Nella petizione è scritto testualmente: “La morte di un neonato a causa di questa pratica è un’enorme tragedia. Questo rischio deve essere escluso affinché la gioia del battesimo possa trionfare”. Adesso saranno le indagini a svelare ulteriori particolari.

Un morso e un graffio dal suo cane. Medici costretti ad amputarle le dita delle mani