Maddie McCann Scomparsa Nuove Prove

“Nuove prove schiaccianti”. Maddie McCann, svolta vicinissima sulla piccola scomparsa

Si torna a parlare del caso di Maddie McCann, la bambina scomparsa nel nulla nel maggio 2007 in Portogallo, mentre era in vacanza con i suoi genitori. Non si è saputo più niente su che fine possa aver fatto la piccola, che molto probabilmente potrebbe essere stata uccisa. E c’è un uomo che è il sospettato principale della sparizione dell’inglese. In queste ore gli investigatori hanno fatto sapere che ci sono grosse novità e a stretto giro di posta il caso irrisolto potrebbe arrivare finalmente alla sua conclusione.

Nei mesi scorsi a parlare era stato un veggente, Michael Schneider. Secondo lui sarebbe ormai morta e che il suo cadavere sarebbe stato sepolto in una foresta. Quest’ultima si troverebbe a poca distanza dal luogo in cui la bambina scomparve. Dopo aver ascoltato queste dichiarazioni, gli investigatori si sono messi al lavoro per cercare di capire se ci sia attendibilità in queste parole. Anche se il sensitivo è stato effettivamente protagonista in passato, supportando la polizia in alcuni casi.

Maddie McCann Scomparsa Nuove Prove Contro Brueckner Svolta Natale

Ad essere accusato della scomparsa di Maddie McCann è il tedesco Christian Brueckner. E il quotidiano inglese ‘The Sun’ è riuscito ad avere alcune dichiarazioni del procuratore Hans Christian Walters, il quale ha confermato: “Abbiamo nuove e forti prove contro il sospetto. Le nostre analisi stanno procedendo bene e speriamo di avere presto un aggiornamento. Non posso dire con certezza quando, ma stiamo lavorando molto duramente per risolvere questo caso e altri in cui è coinvolto Brueckner”.


Maddie McCann Scomparsa Nuove Prove Contro Christian Brueckner Svolta Natale

Stando a quanto è stato anticipato dal ‘The Sun’, “entro Natale potrebbe esserci la svolta e Brueckner potrebbe essere incriminato grazie ad una nuova e incredibile evidenza”. La prima svolta era avvenuta nel 2020, quando gli inquirenti avevano compreso che il 44enne potesse essere coinvolto nella sparizione della bambina di 3 anni. Brueckner è già recluso per altri gravi reati in Germania, infatti ha compiuto violenze sessuali nel 2005. Sono abbastanza cauti comunque gli avvocati dell’uomo.

Secondo quanto rivelato dai difensori di Brueckner, accusato di aver fatto sparire Maddie McCann, “vedremo queste nuove prove. Abbiamo i nostri dubbi”. Inoltre, una fonte vicina alla polizia della Gran Bretagna ha aggiunto: “I colleghi tedeschi stanno mettendo insieme un caso forte e i pezzi si stanno unendo”. Entro circa due mesi potrebbe essersi la chiusura del caso.