Intrappolati in una busta di plastica, senza ossigeno per lunghi secondi che sembrano infiniti. Guardate bene queste foto: no, non si tratta di manichini, ma di persone in carne e ossa protagoniste di un servizio choc

 

Date un’occhiata a questa incredibile serie di scatti. E sappiate che no, Photoshop e altri programmi per modificare le immagini in maniera artificiale non c’entrano nulla. A una prima occhiata potreste pensare di essere di fronte all’operato di un serial killer, di quelli che si vedono nei telefilm. E invece sappiate che i protagonisti di queste assurde sequenze sono sani e salvi, e che hanno partecipato volontariamente al servizio.

Autore di queste fotografie “sottovuoto” è l’artista Haruhiko Kawaguchi, originario di Tokyo e oggi gettonatissimo.


(Continua a leggere dopo la foto)

 

{loadposition intext}

Le coppie che decidono di prendere parte a questa originalissima forma d’arte scelgono infatti di trattenere il respiro per una decina di secondi, in apnea all’interno di una busta di plastica dove non c’è ossigeno. Haruhiko ha pochissimi istanti per scattare, onde evitare di mettere a repentaglio la salute dei soggetti.

(Continua a leggere dopo la foto)

 

Il tutto avviene comunque in presenza di medici pronti a intervenire di fronte al minimo imprevisto. Il significato di tutto ciò? A spiegarlo, sulle pagine del Daily Mail, è lo stesso Kawaguchi: “Si tratta di un modo per mostrare quanto due persone possano essere legate, quando amore possano provare l’uno per l’altra”.

(Continua a leggere dopo la foto)

 

“Gli uomini e le donne sono talmente attratti – prosegue il fotografo – da sognare di diventare un unico corpo, un unico organismo. Quello che faccio è cercare di rappresentare tutto questo, annullare il più possibile le barriere tra un uomo e una donna per far capire quanto forte possa essere il loro legame. L’amore è la cosa più importante nella vita: l’universo intero si muove grazie a questo sentimento”.

“A 45 anni sono ancora vergine. Cerco un uomo, chiamatemi”. La nota attrice spiazza tutti e si propone (nuda) su un cartellone pubblicitario. E sono anche guai…

Pubblicato il alle ore 16:32 Ultima modifica il alle ore 11:29