Passeggia con la testa mozzata dell’amico. Passanti sotto choc: “Pensavamo fosse uno scherzo di Halloween”

Pensavano a un macabro scherzo di Halloween, ma quella testa che un uomo mostrava ai passanti di Huelva, in Spagna, vicino al confine con il Portogallo, era del suo vicino di casa. La polizia nazionale ha trovato nel pomeriggio di sabato 31 ottobre una testa decapitata accanto a un cassonetto dell’immondezza situato in Avenida Pío XII a Huelva.

Testimoni oculari hanno spiegato a El Closure Digital che “un uomo è venuto, ha lasciato cadere un sacco della spazzatura ed è scappato. L’uomo diceva ‘Ho una testa, ho una testa, ho una testa’. Pensavamo a uno scherzo per Halloween, poi abbiamo visto che quella testa era vera”. (Continua a leggere dopo la foto)


Sul posto sono intervenuti la Polizia di Stato, la scientifica, che ha provveduto a rimuovere la testa, e il giudice della sezione del tribunale di Huelva. Fonti vicine alle indagini della polizia assicurano al quotidiano El Closure Digital che il principale sospettato di questo crimine sarebbe una figura ben nota di Huelva, con l’acronimo MJNB, e nota con il soprannome di “El Méxicano”, con diversi precedenti penali. (Continua a leggere dopo la foto)

Fonti della polizia sottolineano che erano i due erano amici e vicini di casa. Secondo queste stesse fonti, “El Mexicano” soffrirebbe di alcuni problemi psichiatrici. Il sospetto si sarebbe barricato in casa fino alle 21:15 di sabato per poi essere arrestato. La polizia ha trovato il resto del corpo della vittima nella casa in via Rodrigo de Jérez, nella città di Huelva. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

“Il trambusto è stato enorme. Agenti della Polizia locale e nazionale si sono recati sul posto per verificare che, effettivamente, la testa di una persona fosse dentro la borsa.
Un gran numero di agenti hanno isolato l’area intorno al cassonetto situato in Avenida Pío XII, l’uomo, ripreso anche dalle telecamere di sicurezza, è stato arrestato e la polizia giudiziaria e forense stanno indagando sui fatti.

“Nessun rispetto”. La rabbia del ‘Signor distruggere’, è successo subito dopo la morte del padre: vergognoso