Eu: ultimatum a Putin. Che replica: secessione in Ucraina

Per il presidente russo è “impossibile” prevedere la fine della crisi Ucraina: “Dipenderà dalle decisioni del governo di Kiev”. L’Unione Europea ha fissato un termine, la Russia ha sette giorni per cambiare la rotta della sua politica se non vuole incorrere in nuove sanzioni. Kiev ha descritto la situazione come vicina a un “punto di non ritorno”, sull’orlo di una “guerra su larga scala”. E nella notte, al termine della riunione dei capi di Stato e di governo dell’Ue a Bruxelles, il presidente del Consiglio Europeo, Herman Van Rompuy, ha annunciato che i 28 leader hanno deciso di adottare “ulteriori passi significativi”. Putin da parte sua, minacciando un potenziamento delle armi nucleari,  si appella ai negoziati in vista per la creazione di uno Stato nell’Ucraina dell’est.