Punto dal calabrone killer in pieno volto mentre è in giardino, muore a 54 anni

Calabrone killer avvistato per la prima volta in Europa: ecco il primo morto. L’uomo, 54 anni, è stato punto dal calabrone killer sul sopracciglio mentre cercava un alveare di sua proprietà. I calabroni killer, che provengono dall’Asia, erano stati avvistati negli Stati Uniti circa una settimana fa, poi sono arrivati anche da noi. Si tratta di insetti di 2 centimetri circa che distruggono le colonie di api in pochi secondi. E possono essere fatali anche per l’uomo.

E infatti il 54enne di Villestro, in Galizia, è morto dopo una puntura di calabrone killer mentre era nel suo giardino. Secondo un rapporto del New York Times i calabroni killer uccidono fino a 50 persone all’anno in Giappone, per la prima volta hanno raggiunto gli Stati Uniti e ora sono giunti anche in Europa. Decisamente questo anno bisestile non ci ha portato belle cose, almeno finora. “I calabroni giganti asiatici possono usare le loro mascelle affilate per lacerare la pelle umana” ha detto il dott. Samuel Ramsey al WUSA -Abbiamo lanciato l’allarme per questo insetto per mesi”. Continua a leggere dopo la foto


Il calabrone killer ha caratteristiche spaventose: “Ha mandibole molto grandi che gli permettono di masticare attraverso molti tessuti diversi. Tra l’altro hanno anche un pungiglione molto lungo”. Secondo gli esperti questi insetti mortali potrebbero avere un impatto drammatico sulla popolazione di insetti nel paese. E questo, di conseguenza, influenzerebbe anche il settore agricolo. Già la notizia dell’arrivo dei calabroni killer in Europa aveva sconvolto tutti, ora poi quella della morte dell’uomo spagnolo è stata un vero colpo di grazia. Continua a leggere dopo la foto

La notizia è rimbalzata su tutti i siti e su tutti i giornali. La vespa velutina, detta anche calabrone asiatico o dalle zampe gialle ha fatto scattare l’allarme in diverse regioni italiane per esempio in Abruzzo, Toscana, Piemonte, Liguria, Emilia-Romagna: il suo veleno è in grado di distruggere le cellule umane e inviare segnali di dolore costante ai nervi delle vittime. Una notizia terribile. Ma come bisogna comportarsi? Continua a leggere dopo la foto

{loadposition intext}

Molti esperti hanno consigliato alle persone di lasciare in pace i calabroni killer qualora vengano individuati. Insomma, è un bel guaio. E ora con il primo morto in Europa la faccenda diventa ancora più inquietante. Come riconoscerlo? Si riconosce perché è grande più del doppio di una comune ape o vespa e non muore dopo aver punto la preda.

È allerta per la vespa killer: arrivato anche in Italia il calabrone asiatico: come riconoscerla

Pubblicato il alle ore 16:03 Ultima modifica il alle ore 16:06