alberto sanchez gomez cannibale

Uccide la madre poi ne mangia i resti. Arriva la sentenza sul figlio cannibale

Si chiama Alberto Sanchez Gomez il protagonista della sconvolgente storia che sta facendo il giro del mondo. Il 28enne spagnolo è stato condannato a 15 anni di carcere per l’omicidio della madre. I due hanno litigato in casa e, al termine, l’uomo ha ucciso la donna strangolandola. Ma non solo. Subito dopo ha fatto a pezzi il corpo della mamma. Nei mesi successivi, poi, ha conservato i resti nel congelatore e, settimana dopo settimana, se ne è cibato.

Alberto Sanchez Gomez, conosciuto come ‘il cannibale di Ventas’, quartiere di Madrid dove abitava, è stato arrestato nel 2019. A metterlo in trappola sono stati i resti del corpo della mamma ritrovati nei pressi della loro abitazione. Il tribunale ha respinto la difesa dell’imputato che aveva parlato di un episodio psicotico. Così i giudici lo hanno condannato a 15 anni e 5 mesi per omicidio e profanazione di cadavere. Per di più “con la circostanza aggravata di un legame di parentela”.

alberto sanchez gomez cannibale

I giudici hanno stabilito che Alberto Sanchez Gomez, quando uccideva la mamma, “era in possesso delle sue facoltà mentali al momento dei fatti”. È stato lui stesso a raccontare quello che è successo. L’uomo ha spiegato di aver strangolato la mamma nel 2019, al termine di un litigio. Poi ne ha smembrato il corpo, lo ha messo nel congelatore e ne ha mangiate alcune parti nelle due settimane successive. Ha inoltre dato alcuni resti del corpo anche al cane.


alberto sanchez gomez cannibale

La storia del ‘cannibale di Ventas’ è nota già da un po’ di tempo e sono emersi diversi dettagli. In molti raccontano che Alberto Sanchez Gomez era dedito all’uso di droghe e alcol. Si dice che trascorresse molto tempo a bere con i barboni del quartiere. Chi lo incontrava di notte, seduto su una panchina e assuefatto dalle sostanze, dice che “se gli passavi davanti neanche se ne accorgeva”. Le liti con la mamma, Maria Soledad Gomez, 66 anni, erano frequenti.

alberto sanchez gomez cannibale
alberto sanchez gomez cannibale

La donna aveva denunciato il figlio già dodici volte. La situazione è degenerata quando un’amica, non vedendo Maria da un mese, si è insospettita e ha chiamato la polizia. Fin dall’inizio l’atteggiamento del ragazzo è apparso sospetto, sembrava confuso e infastidito dalle domande degli agenti. Fino alla scoperta della macabra verità. Oltre alla pena di 15 anni Alberto Sanchez Gomez dovrà pagare al papà 60mila euro di risarcimento.

Pubblicato il alle ore 13:15 Ultima modifica il alle ore 13:15