“Ho 18 anni e sono ancora vergine, devono morire”, ragazzo accoltella tre donne per la strada


Ben Moynihan, aveva un problema o meglio un disagio, a 18 anni non era ancora riuscito a perdere la verginità. Come se ci fosse un’età prestabilita e di scadenza. Luogo della vicenda è Portsmouth, in Inghilterra. Mosso, probabilmente, dalla frustrazione, ha quindi provato ad accoltellare tre donne. Il diciottenne è stato accusato di tentato omicidio a causa di tre aggressioni commesse fra il giugno e il luglio scorso, a 17 anni. La giuria del tribunale di Winchester Crown l’ha giudicato colpevole dopo un processo lampo durato soltanto una settimana. Moynihan, secondo l’accusa, avrebbe seguito e accoltellato tre donne, di 20, 45 e 67 anni, mentre ritornavano a casa da sole, utilizzando un coltello di undici centimetri e scegliendo principalmente donne anziane perché pensava non riuscissero a sopravvivere all’aggressione.

(continua dopo la foto)








Ha poi lasciato due lettere alla polizia sfidandoli ad arrestarlo; in una ha scritto: “Tutte le donne meritano di morire e la prossima volta riuscirò a strappare gli occhi di una di loro”. Inoltre: “Ogni volta che accoltello qualcuno mi piace tornare a casa e annusare la carne che ho tagliato via. Venite e arrestatemi, per grazia di Dio, prima che catturi la mia quarta vittima”. E infine: “Quando le donne non vogliono parlarmi mi si spezza il cuore. Perché siete così esigenti con gli uomini di oggi?” Includendo nella prima lettera persino una sua foto, forse per giocare ulteriormente con le forze dell’ordine, forse perché pentito delle proprie azioni.

(continua dopo la foto)




Oltre alle lettere, Moynihan era solito tenere una sorta di “diario del male” nel quale scriveva: “Sto pianificando di uccidere molte donne per vendetta rispetto a quello che loro hanno fatto a me. Non sono un cattivo ragazzo, ma non ho altra scelta”. Se servisse ulteriore testimonianza della rabbia e dell’odio del ragazzo nei confronti del genere femminile, la polizia ha trovato un video sul suo computer nel quale offendeva ripetutamente le donne: “Sono ancora vergine, tutti hanno perso la propria verginità prima di me, ed è per questo che tu sei la mia vittima prescelta”.

Ti potrebbe anche interessare: Adolescenti e sesso nell’era degli smartphone? Basta allarmismi

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it