Greta e Vanessa sono vive e sono libere!


Greta e Vanessa sono vive e libere: a dare ufficialità alla notizia un tweet diramato da Palazzo Chigi dopo alcuni minuti di sospensione  in cui l’intelligence italiana non smentiva e la Farnesina non confermava. La notizia della liberazione di Greta Ramelli e Vanessa Marzullo, le due volontarie italiane rapite il 31 luglio scorso in Siria, comunicata all’Aula dal ministro delle Riforme Maria Elena Boschi è stata accolta con un forte applauso dalla Camera.  “Una grande gioia e un grande sospiro di sollievo. Greta e Vanessa presto a casa” ha commentato Angelino Alfano.

 







La liberazione di Vanessa e Greta è stata annunciata via Twitter da account vicini alla resistenza anti-Assad. Uno, in particolare, ha scritto che la notizia proviene da fonti giornalistiche siriane, aggiungendo che le due ragazze saranno in Turchia domani mattina. La notizia del rilascio è stata rilanciata anche da Al Jazeera, che ha citato fonti del gruppo Al Nusra, proprio la fazione ritenuta responsabile del sequestro.




Ma su twitter si leggono anche commenti rabbiosi sugli account riconducibili allo Stato Islamico. “Questi cani del fronte Al Nusra rilasciano le donne crociate italiane e uccidono i simpatizzanti dello Stato Islamico”, scrive Muahhed al Khilafa sul suo account, dove si firma con l’hashtag dell’Is. “Forse le hanno liberate in cambio di donne musulmane detenute in Italia”, osserva Saad al Homeidi, altro islamista nel suo account.

 

Leggi anche

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it