Francesco riscrive la storia: c’è il papa dietro la pace tra Stati Uniti e Cuba


“Voglio ringraziare papa Francesco” per il ruolo svolto nel riavvicinamento tra Usa e Cuba: parole di Barack Obama. Analogo ringraziamento e riconoscimento, nelle stesse ore, da parte del leader cubano, Raúl Castro. E il pontefice, da parte sua, ha espresso “vivo compiacimento per la storica decisione dei governi di Usa e Cuba di stabilire relazioni diplomatiche, al fine di superare, nell’interesse dei rispettivi cittadini, le difficoltà che hanno segnato la loro storia recente”. Dunque, il primo papa latinoamericano cambia una delle pagine più delicate della storia, non solo del continente americano, ma delle relazioni internazionali. Bergoglio, difatti, è stato l’unico leader, a parte Obama e Castro, coinvolto direttamente nel processo. La posizione di Francesco è stata determinante, anche alla luce della forte tradizione cattolica del paese comunista. Sia Obama sia Castro hanno ringraziato l’uomo, “esempio per il mondo”, per la sua mediazione.

(continua dopo la foto)







Il risultato arriva dopo un impegno preciso della Santa Sede. Fonti americane rivelano che, come Obama, anche emissari cubani sono stati qualche mese fa in Vaticano per cercare buoni uffici. E in autunno un appello personale di Bergoglio, con una lettera a Obama e una separata a Castro, possono aver aiutato a smuovere definitivamente la situazione. Il risultato è stato un aumento dell’attenzione americana nei confronti dell’Avana, e la svolta arrivata ieri. Da parte sua Francesco ha espresso “vivo compiacimento per la storica decisione” dei due governi “di stabilire relazioni diplomatiche, al fine di superare, nell’interesse dei rispettivi cittadini, le difficoltà che hanno segnato la loro storia recente”. Si parla di due lettere, che avevano lo scopo di “risolvere questioni umanitarie d’interesse comune”, e dell’apporto fornito dal Vaticano per “offrire i suoi buoni offici per favorire un dialogo costruttivo su temi delicati, dal quale sono scaturite soluzioni soddisfacenti per entrambe le parti”.

Cambia la storia: Usa e Cuba riprendono il dialogo. Verso la fine dell’embargo

Dagospia: “Papa Francesco verso le dimissioni”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it