Schianto tra due autobus, bilancio drammatico: 16 morti, 14 feriti e traffico paralizzato


È pesantissimo il bilancio dell’incidente avvenuto questa notte intorno alle . Lo scontro frontale ha coinvolto due autobus che trasportavano degli operai che stavano andando a lavoro: sedici persone sono morte, mentre quattordici sono quelli rimasti feriti e trasportati in ospedale.

L’incidente è avvenuto alle 3:36, ora locale, vicino all’ingresso della miniera di Noche Buena, a circa due ore di auto a sud dell’ingresso del porto di Lukeville, in Arizona. Secondo l’ufficio del procuratore generale di Sonora, e un comunicato diffuso alle autorità competenti, lo schianto è avvenuto tra due autobus che trasportavano gli operai diretti alla miniera di Noche Buena. (Continua a leggere dopo la foto)






Nelle immagini scattate sul luogo dell’incidente avvenuto nel confine tra Stati Uniti e Messico, vicino allo stato dell’Arizona, si vedono i due autobus schiantati frontalmente, ostruendo la strada a due corsie. Come detto, il bilancio è stato pesantissimo. Tutti i 16 passeggeri che viaggiavano nell’autobus più piccolo sono morti. I 14 che invece viaggiavano sull’autobus più grande sono stati portati nella vicina Caborca ​​a Sonora, ha detto l’ufficio del procuratore generale, e alcuni di loro sono stati ricoverati in gravi condizioni. (Continua a leggere dopo la foto)






Il personale forense è stato incaricato di ispezionare i due autobus dopo l’incidente. Hanno identificato le persone decedute e i feriti. Tutte le persone coinvolte nell’incidente provenivano dal Messico, hanno spiegato gli agenti di polizia intervenuti sul posto dopo l’incidente. (Continua a leggere dopo la foto)



 

L’ufficio del procuratore generale di Sonora ha detto all’agenzia di stampa locale ABC15 che le morti sono avvenute tutte a bordo di un furgone più piccolo. Le 14 persone ferite sono state portate nella vicina Caborca ​​e ricoverate in ospedale per lesioni tra cui gravi contusioni e fratture.

 

Televisione in lutto, morto l’attore delle grandi serie tv. Una carriera sul piccolo schermo

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it