Sangue nella domenica della palme, bomba contro una chiesa. Morti e feriti


Indonesia, attentato suicida davanti alla cattedrale cattolica. Il tragico evento è accaduto specificatamente a Makassar, proprio alle porte della cattedrale di culto cattolico dove i fedeli celebravano la messa della Domenica delle Palme. Diverse le ipotesi avanzate, ma al momento la polizia locale riferisce il numero di feriti che sale a 14. In corso gli accertamenti sull’esplosione.

A spiegare la dinamica dell’attentato il portavoce della polizia Argo Yuwono: “Volevano entrare nel complesso della chiesa”. Sarebbero due gli attentatori giunti a bordo di una moto. E sul cancello principale d’accesso al luogo di culto, si sarebbero fatti saltare in aria. I due kamikaze perdono la vita, la moto è stata totalmente distrutta: “Stiamo raccogliendo resti umani per poter identificare il sesso dei kamikaze”. (Continua a leggere dopo la foto).






Per la polizia indonesiana: “C’è stata un’esplosione e sospettiamo si sia trattato di una bomba”, incalza anche il portavoce della polizia del Sulawesi meridionale E. Zulpan che avrebbe anche confermato l’orario in cui è avvenuta l’esplosione ovvero alle 10.35 ora locale. Mentre dal  servizio di Kompas TV si apprendono le immagini degli agenti di polizia atti a procedere nei rilievi, mettendo in sicurezza l’area. (Continua a leggere dopo la foto).






Da un primo bilancio si apprende inoltre che il numero dei feriti ammonta a un totale di 14, tra cui cinque fedeli che erano appena usciti dalla chiesa per assistere alla messa. Tutto lascerebbe pensare dunque a un “atto di terrorismo”, come affermato da Boy Rafli Amar, direttore dell’Agenzia indonesiana antiterrorismo. L’attacco sarebbe stato ancora più devastante, secondo il sindaco, se fosse stato fatto al cancello principale della chiesa.   (Continua a leggere dopo le foto).



E sempre dalle parole del sindaco della cittadina indonesiana, l’aggressore o gli aggressori avevano cercato all’interno attraverso il cancello laterale. E  correva l’anno 2018 quando in seguito a un attentato avvenuto sulla soglia di altre tre chiese nell’isola di Giava, si registrarono ben 13 morti.  In Indonesia, il Paese a maggioranza musulmana piu’ popolato del mondo, le chiese cristiane sono finite spesso nel mirino dei fondamentalisti.

Televisione in lutto, l’attore delle serie tv è morto. Il ricordo di amici e colleghi: “Riposa in pace”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it