Tragedia all’asilo, bimba di 2 anni morta soffocata durante il pranzo. Cosa è successo


Una tragedia ha scosso la tranquillità della cittadina di Radlett, nella contea dell’Hertfordshire. Protagonista di questa terribile storia è Sadie Salt, una bimba di due anni. Sadie andava all’asilo nido Mini Learners e come ogni giorno si è recata a mensa per mangiare con gli altri bimbi. Qualche giorno fa nel menù era prevista la salsiccia. E lei – come tutti gli altri – ha iniziato a mangiare.

Tuttavia un pezzo di quella carne le va di traverso. La piccola viene trasportata d’urgenza in ospedale e viene ricoverata in terapia intensiva. Due giorni di lotta per Sadie tra la vita e la morte. Le sue condizioni peggiorano e la bambina muore lo scorso sabato. I genitori hanno deciso di donare gli organi della piccola: così Sadie potrà salvare altre vite. (Continua dopo la foto)






Sadie aveva due fratelli più grandi di lei. La sua mamma e il suo papà, Zoe e Adam, adesso chiedono giustizia: hanno lanciato anche una petizione online affinché vengano eliminati alimenti potenzialmente pericolosi, come salsicce e uva, dalla “forma goffa e dalla pelle dura”, dalle mense scolastiche, ed una raccolta fondi per Cosmic, che sostiene le unità di terapia intensiva pediatrica e neonatale in due ospedali di Londra. (Continua dopo la foto)






“Siamo devastati per aver perso la nostra bellissima Sadie sabato 14 novembre – hanno detto alla stampa locale -. Il team di medici e infermieri che abbiamo incontrato in terapia intensiva è stato più che fantastico, sia per quanto riguarda le cure a nostra figlia che il supporto per noi. Niente era troppo per farci sentire tutti amati, curati e supportati. In questo momento stiamo soffrendo terribilmente ma siamo felici di essere stati travolti da questa ondata d’amore”. (Continua dopo la foto)



 

Al giornale locale Borehamwood Times ha parlato anche il portavoce dell’asilo nido: “Siamo assolutamente devastati da questa notizia e le nostre sincere e sentite condoglianze vanno alla famiglia. La sicurezza e il benessere dei bambini affidati alle nostre cure è, ed è sempre stata, la nostra massima priorità e in questo momento stiamo lavorando a stretto contatto con le autorità competenti anche per fornire supporto ai bambini, alle famiglie e al personale del nostro asilo nido in questo momento incredibilmente difficile”.

Cinema in lutto, se n’è andata una leggenda. L’attore stroncato dal coronavirus

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it