Esplosione in autostrada: diverse auto in fiamme, 13 morti carbonizzati e feriti


Autocisterna esplode in autostrada. Quattordici persone morte. “Pochi minuti fa, il segretario alla Sicurezza e Protezione Cittadini mi ha informato che sull’autostrada Tepic-Guadalajara, all’altezza della crociera Jala-Compostela, è stata registrata un’esplosione di una petroliera, che purtroppo ha lasciato diverse persone morte fino a quando il momento”, ha scritto Antoni Echevarria Garcia, il governatore dello stato del Messico.

La Guardia Nazionale di Nayarit ha confermato che almeno quattordici persone sono morte nell’esplosione. Secondo quanto riporta Radio Formula, diversi veicoli, oltre alla cisterna del gas, sono esplosi. (Continua a leggere dopo la foto)






È successo nello stato messicano di Nayarit, in Messico.
L’esplosione è avvenuta fuori dalla città di Jala su un tratto di autostrada di montagna. Sul web è stato pubblicato anche un video in cui si vede un gruppo di automobilisti che corre lungo l’autostrada catturando anche il momento dell’esplosione. Le autorità di Nayarit hanno chiuso la strada per rimuovere i detriti, recuperare i corpi delle vittime e i feriti. (Continua a leggere dopo la foto)






La Guardia Nazionale dello Stato ha condiviso una foto su Twitter che mostra il luogo dell’esplosione. Nell’immagine si vedono i detriti sparsi lungo l’autostrada e la cisterna. Secondo l’agenzia, 13 corpi sarebbero stati ritrovati all’interno di diversi veicoli andati a fuoco a seguito dell’esplosione, mentre un altro, probabilmente l’autista della cisterna, è stato trovato sull’asfalto. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Sul posto sono intervenuti la polizia statale e municipale, la Guardia nazionale, la protezione civile, i vigili del fuoco e i soccorsi medici. Con una popolazione di 1,2 milioni di abitanti, Nayarit è uno degli stati più piccoli del Messico. Si trova tra l’Oceano Pacifico e gli stati di Sinaloa, Durango, Zacatecas e Jalisco.

Non si presenta al lavoro e lo vanno a cercare: Andrea, 25 anni, trovato morto

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it