Addio Lucia, morta a soli 13 anni dopo un attacco di convulsioni. La scoperta choc: “Da cosa sono state causate”


Una storia che ha dell’incredibile e che vede protagonista una ragazza di appena 13 anni viene da Melbourne, Australia. La 13enne, Lucia Berghella, ha sofferto fin da quando aveva tre anni di ‘mini convulsioni’. Durante questi attacchi gli occhi sbattevano rapidamente ed in modo incontrollato mentre la testa tremava. La madre, Anne Forbes, ha deciso di farla visitare da diversi dottori e oculisti specializzati, ma tutti hanno concluso le visite dicendo che si trattava di semplice secchezza oculare.

Il 29 marzo scorso, però, Lucia ha avuto un altro attacco durante la notte, stavolta molto più forte dei precedenti. La ragazza è stata così trasportata al Monash Clayton Hospital, ma anche qui i medici hanno ridimensionato l’evento, affermando che si trattava di un episodio isolato provocato dall’uso eccessivo dell’iPad e dalla mancanza di sonno. Dopo appena due ore di ospedale Lucia è stata rimandata a casa, anche se la madre continuava ad essere preoccupata per le sue condizioni. Una settimana dopo Anne ha trovato la figlia incosciente nel proprio letto, era morta. Il medico legale non è riuscito a spiegare le cause del decesso. (Continua a leggere dopo la foto)






A questo punto, quando ormai è tardi, si fanno tante ipotesi, tra cui quella di epilessia. Ma stabilirlo è impossibile, visto che Lucia è morta. Tutti quegli attacchi e le mini convulsioni sono state sempre sottovalutate, fino a quando non c’è stato più nulla da fare. Ovviamente ci sono delle responsabilità dei medici. Anne Forbes ora si sta battendo affinché si faccia luce sulla morte della figlia. Ha anche chiesto ad un neurologo una nuova autopsia. (Continua a leggere dopo la foto)






La madre sospetta infatti che la morte della figlia sia dovuta a SUDEP, ovvero una morte improvvisa ed inaspettata provocata dall’epilessia. Anne ha anche chiesto che l’ospedale cambi le sue politiche in merito all’epilessia e che vengano fatti degli esami specifici anche quando ci sia solo il sospetto di epilessia. Forse con accurati test si sarebbe potuto individuare la vera ragione degli attacchi e del malessere di Lucia e magari questa ragazza di appena 13 anni avrebbe potuto essere salvata. (Continua a leggere dopo la foto)



La Sudden Unexpected Death in Epilepsy è un fenomeno molto raro, che colpisce circa un malato di epilessia su 1000. Secondo gli esperti il rischio di SUDEP è maggiore per le epilessie non controllate dai farmaci e quando le crisi sono di tipo convulsivo e si verificano nel sonno. Due condizioni che ritroviamo nella morte di Lucia. La probabile causa della morte è che la persona smette di respirare. La crisi epilettica agisce in modo negativo sul sistema nervoso centrale andando ad interferire con la frequenza cardiaca, la funzione cardiorespiratoria e la ripresa del funzionamento normale del cervello alla fine della crisi.

Coronavirus, muore bimba di 13 anni: si tratta di una delle vittime più giovani

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it