Orrore in sala parto. Un errore dei medici, decapitato il neonato


È accaduto l’inimmaginabile in un ospedale brasiliano durante la nascita di un bambino. Mentre i medici stavano eseguendo l’estrazione del piccolo neonato una maldestra operazione ha provocato la decapitazione della creatura. Sconcerto e orrore si sono diffusi nella sala parto mentre la testa del neonato rotolava per terra. Il fatto è avvenuto venerdì scorso nell’ospedale Santa Casa de Misericordia, che si trova nella città di Belem, Brasile settentrionale, Stato di Para.

In questo momento l’ospedale è sotto inchiesta. Sicuramente oltre all’errore pratico c’è stata una valutazione che dovrà essere analizzata dagli inquirenti. Sembra infatti che la donna incinta di 26 anni sia stata sottoposta a parto naturale, mentre erano state fatte delle raccomandazioni sul fatto che venisse effettuato un parto cesareo. Mentre vengono acquisite informazioni più dettagliate sull’accaduto emergono particolari agghiaccianti che fanno rabbrividire. (Continua a leggere dopo la foto)






La donna, ha raccontato il marito, è arrivata in ospedale alle sei del mattino e si trovava all’ottavo mese di gravidanza. Date le condizioni di salute precarie del piccolo avrebbe dovuto essere effettuato un parto cesareo, ma invece si è optato per un parto naturale. Una maldestra operazione ha provocato la decapitazione del neonato e a quel punto i medici hanno dovuto ricorrere ad un’operazione chirurgica per estrarre il resto del corpo. La madre, invece, evidentemente sotto choc, è stata sedata. (Continua a leggere dopo la foto)






Il marito della donna ha affermato che il medico di famiglia aveva inviato all’ospedale una raccomandazione sul fatto che venisse effettuato un cesareo. Ma, secondo quanto riportato dalla polizia, la donna è rimasta in attesa per più di tre ore prima di essere sottoposta a parto naturale, nonostante le raccomandazioni del medico di famiglia. Un’amica della donna ha riferito di aver ricordato ai medici più e più volte le indicazioni del medico di famiglia ma nessuno l’ha ascoltata. (Continua a leggere dopo la foto)



Durante il parto i medici hanno spinto fuori il feto con così tanta forza che la testa è prima rimasta sulla mano di un infermiere e poi è rotolata per terra. Amanda Vieira, amica di questa madre sfortunata, ha riferito che i medici hanno verificato il battito del piccolo in due occasioni: all’arrivo della mamma e al momento del parto. Ma uno degli operatori sanitari ha invece dichiarato che il neonato era già morto prima del parto. Mentre le indagini vanno avanti l’ospedale ha espresso rammarico per l’accaduto, imputando il fallimento dell’operazione ad una serie di malformazioni del piccolo che hanno reso necessarie manovre per estrarlo e quindi alle complicazioni che hanno provocato un esito fatale.

Neonato trovato morto in un’aiuola: svolta nel caso. La notizia è di poco fa

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it