Arriva a scuola convinta di aver preso l’igienizzante per le mani. Ma era un ‘aiutino’ intimo per la sua mamma


Louise Hosie, di Livingston in Scozia, è rimasta sbalordita nel trovare la bottiglia di “Ann Summers” (nota marca di lubrificante intimo) nella tasca della giacca della sua bambina. L’innocente figlia Summer, di 5 anni, voleva solo seguire le regole del Covid, quindi “non ha preso i germi” mentre era a scuola. Peccato che in quel flacone non ci fosse gel igienizzante, bensì lubrificante vaginale della madre.

E Louise, che ha trovato la situazione esilarante oltre che imbarazzante, ha spiegato che sua figlia Summer avesse letto sulla boccetta il nome del marchio “Ann Summers” e avesse dunque collegato immediatamente che fosse suo. La 36enne ha detto allo Scottish Sun: “Ho preso il lubrificante in uno store di Ann Summers”. L’accadimento avvenuto in scozia è risultato bizzarro ma anche super divertente, ci insegna inoltre una lezione importante. (Continua dopo le foto)











La lezione è: mai lasciare a portata di mano il lubrificante vaginale, soprattutto se non si vuol fare la fine di Louise, la mamma di Summer. La giovane donna, 36 anni, ha scoperto per puro caso che la figlioletta, da qualche giorno, stesse utilizzando il suo gel lubrificante intimo al posto dell’igienizzante, da qui l’ilarità generale. Le parole imbarazzate e divertite rilasciate della mamma allo Scottish Sun (clicca QUI per leggere l’articolo originale) sono tutto un programma. (Continua dopo le foto)



Ecco le parole di mamma Louise: “Avevo deciso di lavare il cappotto di mia figlia e ho trovato il mio lubrificante intimo, che mi era stato regalato in un negozio qualche tempo fa. Probabilmente le maestre non si erano accorte di nulla, credo che mia figlia abbia letto il suo nome nella marca, Ann Summers, e quindi ha creduto che fosse il suo gel disinfettante. Quando le ho chiesto perché fosse nel suo cappotto, lei mi ha risposto ‘Per non farmi contagiare dai germi, è caldo e morbido'”.

Neonata positiva al covid abbandonata dalla mamma: cosa è successo dopo il tampone

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it