Lascia la figlia in auto: morta a 2 mesi. “Era sballata”. Poi il gesto choc della mamma


Morta a 2 mesi di vita perché lasciata in macchina sotto il sole dalla madre. La donna sarebbe stata in preda ai fumi dell’alcol e della droga dimenticandosi della figlia. Così la piccola McKinley Garner ha perso la vita. È successo a Panama City, in Florida, il 2 settembre, dopo che Megan Dauphin, 30 anni, si sarebbe “sballata”.

Ora è stata arrestata e accusata di omicidio colposo aggravato per la morte della figlia, meno di due mesi dopo la sua nascita, il 4 luglio scorso. Non solo. Adesso uno degli amici della 30enne, che ha chiesto di non essere nominato, ha detto a Metro che Megan sarebbe andata “a festeggiare” il fine settimana dopo la morte della sua bimba. (Continua dopo la foto)






“La Megan che conoscevo non l’avrebbe mai fatto, quindi l’intera situazione è davvero scioccante per me”, ha raccontato al giornale online britannico. “Tutto quello che continuo a immaginare nella mia testa è quella bellissima bambina avvolta nella coperta fasciata che le avevo regalato e pensare che la sua vita venga strappata a causa di una madre che lascia sua figlia incustodita in una macchina sotto il sole… è così inquietante”, ha aggiunto. (Continua dopo la foto)






Le indagini condotte sulla mamma hanno portato al ritrovamento di accessori per droghe in casa che dimostrerebbero che faceva uso di metanfetamina. La Dauphin è stata costretta a fare un esame del sangue, che avrebbe stabilito che “era piena” di metanfetamine il giorno della morte della sua bambina. Non è chiaro cosa stesse facendo la madre mentre McKinley giaceva morente nell’auto. (Continua dopo la foto)



 


Rapporti non confermati dicono che la Dauphin viveva con la sua famiglia, ma che suo padre era al lavoro e sua sorella dormiva quando avrebbe lasciato la piccolina in macchina. Megan Dauphin è stata arrestata mercoledì ed ora si trova nella prigione della contea di Bay, dove rimarrà fino all’udienza preliminare del processo che la vede accusata di omicidio colposo. La notizia ha scioccato tutta la comunità.

Bimbo di 1 anno in gabbia circondato da topi e animali di ogni tipo. I genitori: “Per tenerlo al sicuro”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it