Lutto nello sport: trovato morto a 19 anni. Un suicidio inspiegabile, proprio dopo un giorno speciale


Secondo i rapporti usciti nelle ultime ore, il campione della corsa ad ostacoli Ondra Hodbod, di soli 19 anni, si è tolto la vita il 24 settembre. Nei giorni dopo aver ottenuto la sua vittoria e il suo record personale (5: 46.36). Ondra, era un promettente atleta di 19 anni, è arrivato quarto nella prova sui 2.000 metri a ostacoli dei Giochi Olimpici Giovanili Europei di Gyor 2018 e ha scioccato sia il suo club che la città di Nymburk, in cui viveva. Dal club SKP Nymburk a cui apparteneva, hanno riportato la tragica notizia “con immenso dolore nel cuore”.

“L’ottimo corridore e grande amico Ondrej Hodbod ha tragicamente concluso la sua vita. Ondra, un grande vuoto rimane dopo di te…”, hanno dichiarato dai social. Proprio la ragazza, Simca Karlova, lo ha voluto ricordare con queste parole: “Non potrò mai dimenticare questo giorno che mi lascia un grande dolore nel cuore. Hai lasciato un terribile vuoto, eri il miglior ragazzo che potessi desiderare ma abbiamo avuto pochissimo tempo”. (Continua dopo le foto)












Concludendo: “Hai fatto ciò che amavi, l’atletica leggera significava tanto per te. Hai lavorato duro per raggiungere i tuoi obiettivi, a costo di tanti sacrifici. Grazie per tutto quello che mi hai insegnato, ti amo e ti penserò per tutta la vita”. Un gesto davvero inesplicabile, il giorno dopo il successo personale, Ondra ha deciso di togliersi la vita. Lo ha fatto senza lasciare una spiegazione o un biglietto per le persone che amava. La notizia dell’improvvisa dipartita del giovane ha sconvolto, familiari, amici, parenti e la fidanzata. Nessuno di loro sospettava che Ondra potesse soffrire così tanto da compiere un simile gesto. (Continua dopo le foto)



Le sue origini affondano a Nymbruk, Repubblica Ceca, Ondra è il fratello minore di Lukas Hodbod, ottocentista super taletoso che ha gareggiato e vinto la finale degli Europei nella 800 ad ostacoli nel 2018. La passione per l’atletica è nata grazie al fratello maggiore, Ondra aveva dimostrato di avere anche più talento del fratello e di poter ambire ad essere uno dei migliori europei nella sua disciplina. Il titolo nazionale under 20 dopo l’infortunio era l’ennesima conferma di un talento purissimo, con un’intera carriera, ma soprattutto vita, davanti.

“Perché ho lasciato Flavio Briatore”. La verità viene fuori solo ora, Elisabetta Gregoraci asfalta l’ex

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it