Morta sul colpo a 15 anni in un modo atroce. La sorellina di 11 in gravi condizioni


Povera bimba! Stava assistendo al soccorso di un’autovettura che era rimasta impantanata nel fango quando la corda che trainava il veicolo si è improvvisamente spezzata colpendola in pieno, così è morta tragicamente la piccola Mackenzie Guild, una ragazzina australiana di 15 anni residente nel Queensland.

Una tragedia assurda quanto drammatica che non ha lasciato scampo all’adolescente, morta quasi sul colpo sotto gli occhi atterriti e impotenti dei familiari, compresa sua sorella minore, una bimba di appena 11 anni che è rimasta invece ferita. Secondo quanto ricostruito finora, la tragedia si è consumata venerdì pomeriggio mentre Mackenzie e la sua sorellina erano sedute sul retro di un furgone che stava cercando di trainare un’auto impantanata nella proprietà della loro famiglia, a circa 170 km a nord di Charters Towers, nel nord dello stato australiano. (Continua a leggere dopo la foto)







Il fattaccio è avvenuto in pochi attimi: la spessa corda si è tesa tantissimo spezzandosi di colpo e centrando in pieno la quindicenne. L’adolescente è stata colpita dalla violentissima frustata in pieno petto che le ha provocato lesioni fatali e si è accasciata. (Continua a leggere dopo la foto)






Purtroppo inutili per lei i successivi soccorsi medici allertati dagli stessi parenti che erano sul posto. La 15enne è sta dichiarata morta poco dopo sul posto. Soccorsa e trasportata invece in ospedale la sorellina di 11 anni anche lei colpita dalla corda ma in maniera meno violenta. (Continua a leggere dopo la foto)



 


Più fortunata la sorellina che rimane in condizioni stabili all’ospedale universitario di Townsville. L’improvvisa morte di Mackenzie è stata straziante sia per la famiglia che per l’intera comunità locale dove tutta la descrivono come una ragazzina sempre pronta all’avventura e con una grande positività che trasmetteva a tutti.

Ti potrebbe anche interessare: “Hanno beccato il colpevole!”. Omicidio arbitro De Santis: si tratterebbe di un 21enne

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it