“È morta, ci sono le prove”. Maddie McCann, l’ultima rivelazione: parla il magistrato


Maddie McCann è morta e ci sarebbero anche le prove. In un’intervista all’emittente portoghese RTP, il pubblico ministero Hans Christian Wolters ha detto che gli investigatori hanno le prove che la ragazzina britannica scomparsa durante una vacanza in Portogallo con i genitori nel 2007 è deceduta.

E quando al pm è stato chiesto se esistessero delle prove, questi ha risposto di sì ma poi si è rifiutato di approfondire. Il signor Wolters ha detto lo scorso giugno che Madeleine fosse morta e che lui aveva identificato Christian Brueckner, condannato per pedofilia e stupro, come uno dei principali sospettati del caso. Brueckner, che attualmente sta scontando una pena nel nord della Germania per traffico di droga, insiste sul fatto di non essere coinvolto però nel rapimento della piccola Maddie. (Continua dopo la foto)







Tra l’altro proprio in queste ultime ore la notizia secondo cui la polizia tedesca sta indagando su una nuova denuncia di stupro contro l’uomo sospettato del sequestro e dell’uccisione della piccola Madeleine McCann, scomparsa pochi giorni prima di compiere 4 anni la sera del 3 maggio 2007 a Praia da Luz, una località di villeggiatura nella regione portoghese di Algarve. (Continua dopo la foto)






A darne notizia sono stati i procuratori della città di Braunschweig. Dopo i tanti appelli rivolti attraverso i media relativi al caso della piccola Maddie, una donna irlandese si è fatta avanti denunciando di essere stata vittima di uno stupro nella regione portoghese dell’Algarve nel 2004. La stessa zona teatro della scomparsa della bambina britannica dove Brueckner ha risieduto tra il 1995 e il 2007 a intervalli regolari. (Continua dopo le foto)



 


L’avvocato del 43enne Brueckner, Friedrich Fulscher, insiste nel dire che il tedesco è innocente e ha aggiunto che una fonte anonima gli ha fornito “informazioni vitali” sul caso di Maddie. Nuove prove utili per scagionare il suo cliente dalle accuse di rapimento e omicidio della bambina: “Non posso entrare nei dettagli – ha anticipato ai media britannici -, ma è un elemento molto significativo e coinvolge qualcuno che mi ha fornito informazioni vitali. Quando lo rivelerò cadrete dalla sedia”.

13enne abusata dal compagno della mamma racconta tutto in un tema. Due anni di orrore

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it