“Voleva diventare medico”. Coronavirus, giovane specializzanda stroncata a 28 anni dal Covid


Adeline Fagan sognava di diventare un medico, ma il Covid 19 se l’è portata via. La 28enne americana stava iniziando il suo secondo anno di specializzazione a Houston in ostetricia e ginecologia quando si è ammalata a luglio. Secondo una pagina GoFundMe creata dalla sua famiglia, ha sperimentato “sintomi simil-influenzali” che presto sono aumentati di gravità. “Quella mattina, è andata al lavoro e stava bene; entusiasta di vedere i pazienti, ma la sera ha cominciato a sentirsi male”, si legge sulla pagina.

“Quelli che erano iniziati come intensi sintomi simil-influenzali si sono intensificati nel corso della settimana fino a una degenza in ospedale”. Adeline, che aveva l’asma e soffriva di attacchi semi-frequenti di polmonite, ha avuto ulteriori complicazioni nonostante fosse sottoposta a diverse terapie respiratorie e persino farmaci sperimentali. (Continua a leggere dopo la foto)






“Quando non c’è stata una risposta positiva a questi metodi di trattamento, Adeline ha deciso di iniziare una sperimentazione farmacologica sperimentale”, scrive ancora la pagina. “Tuttavia, prima che potessimo vedere se questo nuovo farmaco era efficace, i suoi polmoni non sono più riusciti a sostenerla”. (Continua a leggere dopo la foto)








Prima della sua malattia, Fagan era in ospedale impegnata a far nascere i bambini, e nel frattempo si recava al pronto soccorso per curare le vittime del Covid-19. La 28enne era originaria di Syracuse, New York, ma la sua famiglia ha detto che non è chiaro quando e dove sia stata esposta al Coronavirus. (Continua a leggere dopo la foto)

 


Domenica pomeriggio, il Centers for Disease Control and Prevention ha riferito che 697 operatori sanitari sono morti per il Covid-19. Mentre la pandemia infuria, quasi 200.000 americani sono stati uccisi dal virus, con oltre 6,8 milioni di infetti confermati.

Ti potrebbe anche interessare: Myriam Catania, l’amore dopo Luca Argentero. Mai visto il fidanzato? Ecco il bellissimo Quentin

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it