Incendio di vaste proporzioni nel porto di Beirut, fiamme e fumo visibili da tutta la città


È tornato l’incubo a Beirut, capitale del Libano. Dopo poco più di un mese dalla tremenda esplosione del 4 agosto, nel porto della capitale libanese è divampato un incendio di proporzioni gigantesche, per cause ancora non note. Secondo le prime indiscrezioni sembra che l’incendio stia bruciando a causa di un’esplosione in un magazzino di pneumatici, sito nella zona tra il porto e l’autostrada.

Ma non è ancora stato chiarito che cosa abbia fatto scaturire le fiamme né la proporzione dei danni inflitti alle zone vicino all’incendio. Finora non si hanno neppure notizie di eventuali vittime, differentemente da quanto invece era accaduto per l’esplosione avvenuta il mese scorso, già da subito infatti allora se ne erano contate circa 200. Le foto condivise sui social network mettono in mostra una titanica colonna di fumo nero intenta a propagarsi verso il cielo ed invadere la città. (Continua dopo le foto)











Ci sono anche video che mostrano gli operai portuali correre in preda al panico per allontanarsi dalla zona sullo sfondo delle grida dei presenti “vai via, tutti, vai!“. Michel el-Murr, il capo della squadra di ricerca e soccorso dei pompieri, presente sul posto a spegnere l’incendio, ha affermato di non sapere esattamente cosa stesse bruciando. “Stiamo cercando di mettere fuori il fuoco, ma è troppo grande, abbiamo bisogno di un mix di acqua e schiuma“, ha spiegato. Quello che accadeva il 4 agosto. “Due esplosioni hanno scosso Beirut, capitale del Libano. Una giornalista del sito Daily Star, Ghada AlSharif, ha postato sul proprio account Twitter le immagini degli uffici investiti dalle deflagrazioni. Decine di persone sono rimaste ferite, alcune sarebbero intrappolate sotto le macerie”. (Continua dopo le foto)



“Secondo le prime ricostruzioni, si sarebbe trattato di un incidente in un magazzino di fuochi d’artificio, ma al momento le fonti sono discordanti. L’onda d’urto ha investito un’estesa area della città, danneggiando diversi edifici e provocando il panico tra la gente. Secondo Al Arabiya e diversi testimoni ci sarebbero state almeno due esplosioni, nella zona del porto, ma anche su questo non c’è molta chiarezza. Secondo alcune fonti libanesi, per ora non confermate, la prima esplosione sarebbe avvenuta in un deposito di fuochi d’artificio”.

La trave del capannone collassa, Michele muore schiacciato a 35 anni: “Era un grande lavoratore”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it