“È diventata blu”. Alex muore a 15 anni, doveva solo mettere l’apparecchio ai denti


Denisa Alexandra Stefanoaia, conosciuta come Alex, aveva 15 anni ed era di Watford, nell’Hertfordshire. La giovane ha sofferto di una rara complicanza, avvenuta al Great Ormond Street Hospital di Londra. Alex si era sottoposta all’estrazione di quattro denti e, prima di metterla sotto anestesia totale, le era stato detto che l’intervento non sarebbe durato più di un’ora. Una volta intubata e sotto anestesia, i medici hanno sentito Alex ha iniziato a stare male ed è diventata blu, poi ha iniziato ad uscirle il sangue dalla bocca e la situazione è precipitata fino al ricovero in terapia intensiva, reparto in cui poi è morta, come riportato dai media.

I medici hanno detto che Alex è diventato rapidamente blu e che è stata tentata la rianimazione. La quindicenne non è morta senza lottare, sono stati 5 giorni di intensa battaglia per Denisa Alexandra Stefanoaia. Il medico legale senior Mary Hassell ha detto: “La parte del puzzle che mi manca è perché quando Alex ha morso il tubo ha avuto un impatto così devastante?”. Anche la dottoressa Akane Iguchi, consulente anestesista all’ospedale di Great Ormond Street, era in sala operatoria in quel momento. Dal suo punto di vista, la preoccupazione è cominciata a crescere quando non è stata in grado di ventilare i polmoni di Alex dopo la procedura. “Stavamo cercando di migliorare la sua capacità polmonare”, ha detto la dottoressa. “Ho guardato il viso di Alex e lei stava mordendo il tubo ET [endotracheale] e stava diventando blu.” (Continua dopo le foto)











La dottoressa Akane Iguchi ha spiegato che l’obesità di Alex poteva essere stata la causa della privazione di ossigeno: “Nel suo caso, a causa della sua grave obesità, il suo consumo di ossigeno è molto alto. Tutti i fattori combinati l’hanno resa un soggetto rischioso”. In una dichiarazione all’agenzia di stampa PA Media, la madre di Alex, Angelica Stefanoaia, ha descritto come la morte di sua figlia – che era la sua “migliore amica” – avesse influenzato la sua vita. “Ho pianto tutti i giorni da quando è morta, nel disperato tentativo di riportarla indietro”, ha detto la mamma. “Li ho implorati in ginocchio di fare tutto il possibile per lei e di salvarla e mi hanno semplicemente detto che non si sarebbe svegliata. Quando mi hanno detto che stava male dopo l’intervento, non ho mai pensato per un momento che sarebbe morta”. (Continua dopo le foto)



Mark Bowman, partner dello studio legale Fieldfisher, che sta indagando sull’ipotesi di negligenza contro il trust dell’ospedale, ha dichiarato: “Resta la posizione della famiglia. loro non sono mai stati pienamente informati sui rischi specifici che Alex avrebbe affrontato durante l’operazione a causa della sua storia medica. In particolare la famiglia è ancora del parere che la spiegazione più probabile dell’esito catastrofico sia stato un ritardo nel riconoscere che Alex stesse mordendo il tubo endotracheale. Un ritardo che non avrebbe mai dovuto verificarsi”.

“Cosa sta succedendo in Italia”. Coronavirus, i dati allarmanti dell’Istituto superiore di sanità

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it