Madre 38enne urla dalla finestra mentre lui cerca di decapitarla. Poi la trovano morta


Un uomo è stato condannato per l’omicidio brutale di una donna. Brian Manship ha 38 anni e si è macchiato di un delitto aberrante. L’uomo, poco prima di compiere l’orribile crimine, era stato ad un vero e proprio appuntamento, avvenuto in un pub, con quella che poi sarebbe stata la sua vittima. La vittima si chiama Sarah Hassall, 38 anni, ed era madre di due figli. Brian Manship l’ha attirata nel suo appartamento e l’ha pugnalata 22 volte, provando anche a decapitarla con un coltello da cucina, in preda ad un raptus. I particolari del crimine efferato sono davvero rivoltanti e mettono alla luce la follia che alberga dentro il carnefice Brian Manship. (Continua dopo le foto)











Sarah Hassall è stata rinvenuta cadavere, avvolta in una tenda. Ad allertare la Polizia i vicini, che preoccupati dalle urla non hanno potuto fare altrimenti, nonostante fosse già troppo tardi. Brian Manship è riuscito a scappare saltando fuori da una finestra del primo piano, una fuga che ha avuto vita breve, poiché l’uomo è stato ritrovato dopo qualche ora nascosto nel sottobosco vicino al suo appartamento a Llys Graig Y Wion. Il luogo della tragedia è il Galles del sud, precisamente Pontypridd. Nella giornata di ieri Brian Manship, dichiaratosi colpevole, è stato condannato a un minimo di 20 anni di prigione, presso la Swansea Crown Court. Sarah Hassal viveva in Galles, cresciuta a Chelmsford, nell’Essex, aveva lasciato l’esercito nel 2010 per crescere i suoi due figli, Owain, 10 anni ed Evan, 8. (Continua dopo le foto) 



La polizia del Galles del Sud ha spiegato la dinamica dei fatti. Sarah ha incontrato Manship nel centro di Pontypridd nelle prime ore di domenica 6 ottobre dell’anno scorso, poco prima che fosse attirata da lui nel suo appartamento e brutalmente assassinata. Adesso la sentenza è arrivata, Brian Manship è stato condannato nella giornata di ieri, ritenuto un pericolo per la società e le donne in particolare. “Sarah adorava incontrare nuove persone, vivere avventure ed era qualcuno che pensava che la vita fosse qualcosa da vivere al massimo. Aveva un futuro brillante e non vedeva l’ora di crescere i suoi figli per insegnargli ad essere avventurosi come lei.”

Lo schianto, poi le fiamme altissime. Treno deraglia sul ponte, immagini drammatiche

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it