“Un luogo segreto”. Maddie McCann, l’inquietante scoperta della polizia scavando in giardino


Maddie McCann,  dopo la scomparsa arriva la conferma del decesso. Non aveva compiuto ancora 4 anni, la piccola è scomparsa durante la vacanza con i genitori a Praia da Luz (Algarve).  Sono gli investigatori tedeschi ad aver fatto ricadere i sospetti su Christian Brueckner, uomo di 43 anni già in carcere per altri reati. Per gli inquirenti la bambina è morta e il 13 luglio sono state avviate le ricerche del corpo.

Vila do Bispo, nell’Algarve e tre pozzi già ispezionati. A spiegarlo il procuratore tedesco Hans Christian Wolters con parole chiare: “Non abbiamo il corpo e nessuna parte di esso, ma abbiamo prove sufficienti per dire che il nostro sospettato ha ucciso Madeleine McCann”. (Continua a leggere dopo la foto).






Poi la pista di Christian Brueckner, che ha immediatamente condotto al giardino di Hannover perquisito con l’utilizzo di un’escavatrice. Quale collegamento con  Christian Brueckner? Gli investigatori non hanno ancora fornito i dettagli secondo quanto riportato su Bild online. Dalle dichiarazioni rilasciate da Brueckner, l’uomo sarebbe del tutto estraneo ai fatti. (Continua a leggere dopo la foto).






Poi un’indizio importante, ovvero il  campione di saliva trovato nella stanza del resort in cui Maddie dormiva con i due fratellini. Sono trascorsi 13 anni da quando la piccola è scomparsa e la cantina nascosta sotto terra nel giardino di Hannover potrebbe, oggi, fare luce sul caso. Questo emerge dagli scavi e lo riporta sempre il tabloid Bild. (Continua a leggere dopo le foto).



La cantina si trova allo stato di rudere e i resti delle fondamenta sono emersi proprio grazie allo scavo effettuato sul posto. Come riporta la testata giornalistia tedesca i resti delle fondamenta sarebbero di una casa con giardino precedentemente demolita e tra questi anche un ambiente identificato come cantina, riferisce Bild.

Tragedia in vacanza: precipita dalla scogliera e muore. Maria Paola aveva 59 anni, morta davanti alla figlia

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it