Perché è così facile ammalarsi di coronavirus all’interno dei macelli? il motivo


Preoccupano i macelli che in molti paesi stanno diventando focolai di Covid-19, preoccupando le autorità sanitarie. Questi luoghi, insieme agli allevamenti intensivi e ai wet market, rappresentano diversi aspetti di un rapporto malato con la natura, di cui l’umanità paga ora il conto.

Uno degli ultimi è stato accertato in Germania, dove l’azienda Toennies ha annunciato di aver riscontrato 657 casi positivi al Covid-19 tra i lavoratori della sua rete di impianti per la macellazione e la lavorazione della carne nel Nord Reno Westfalia. Sempre meno gestiti da macellatori indipendenti e sempre più anelli di filiere enormi, in mano a colossi di dimensioni planetarie come Cargill e Tyson Food, ma al tempo stesso luoghi dove vigono condizioni di lavoro che vengono sovente accostate alla schiavitù, i macelli hanno sempre continuato a lavorare durante la pandemia, questo ha favorito la diffusione del coronavirus, all’interno e all’esterno. (Continua a leggere dopo la foto)







carcasses of pigs in row in meat factory

Secondo un rapporto pubblicato dal Food and Environment Reporting Network, già nella prima parte del mese di giugno in Europa si contavano 2670 casi confermati di Covid-19 tra i dipendenti di macelli e impianti di lavorazione carne. (Continua a leggere dopo la foto)






Il caso più eclatante è quello degli Stati Uniti, con oltre 180 impianti colpiti, ma ci sono casi in Irlanda, Spagna, Germania, Regno Unito, Canada, Brasile e Australia. L’effetto drammatico è l’abbattimento obbligato di migliaia di capi che gli allevatori non si possono più permettere di mantenere a causa dell’inceppamento della filiera della carne. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Un problema, secondo Neal Barnard, medico e fondatore dell’associazione Physicians Committee for Responsible Medicine, sono le condizioni di lavoro in queste industrie e l’ambiente refrigerato che permette una maggiore sopravvivenza del virus. Mantenere le distanze tra i lavoratori è praticamente impossibile.

Paolo Ciavarro, l’attacco nei suoi confronti è durissimo e arriva proprio da lei. Tutta colpa di quel gesto

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it