Bimbo di 5 anni trova pistola, spara e uccide il fratello 12enne


Incredibile quanto successo negli Stati Uniti d’America. Un bambino di appena cinque anni ha infatti trovato una pistola per terra e, pensando fosse un giocattolo, ha messo nel mirino il fratello maggiore di 12 anni sparando un colpo ed uccidendolo. La tragedia che ha scioccato tutti è avvenuta nella città statunitense di Griffin, nello Stato della Georgia, e più precisamente all’interno di un’area boschiva, nelle vicinanze di un parco giochi. A riportare la notizia sono stati i media locali.

Secondo le prime ipotesi della Polizia del posto, l’arma che ha causato il terribile e involontario omicidio sarebbe stata abbandonata da alcuni spacciatori della zona, che erano quindi fuggiti dopo aver visto gli agenti. Questa teoria è avallata dal fatto che le autorità hanno ritrovato nella zona una borsa contenente alcuni narcotici. A rivelare qualche dettaglio in più sulla drammatica vicenda è stato un residente, che ha assistito a quei tragici momenti nei quali si è concretizzato il fattaccio. (Continua dopo la foto)










 

Questo il terribile racconto del testimone oculare: “I bambini si stavano divertendo pacificamente. Poi il bambino ha scoperto una pistola. Si è girato e pensando di giocare, ha detto ‘bang’ aprendo il fuoco. La pistola che era carica ha sparato e ucciso”. La Polizia locale ha riferito maggiori particolari sulla sua pagina Facebook ufficiale. Qui ha ribadito la possibilità che un pusher in fuga abbia lanciato la pistola per non essere scoperto dalle forze dell’ordine. (Continua dopo la foto)






Infatti, nel rapporto è specificato che le autorità erano riuscite a rinvenire soltanto la sostanza stupefacente, ma non l’arma. Ora, sono state avviate ulteriori indagini per identificare colui che ha lasciato la pistola nell’area boschiva. Il dodicenne non avrebbe avuto scampo perché il proiettile lo ha colpito in pieno petto. Nonostante sia stato immediatamente trasferito in ospedale, i soccorritori non hanno potuto fare nulla ed hanno constatato il suo decesso. (Continua dopo la foto)



Sia l’arma che ha causato l’incidente che l’abbigliamento della sfortunata vittima saranno inviati all’ufficio investigativo del crimine per le analisi del caso. Ciò servirà a comprendere e a “determinare ulteriormente chi ha posseduto e toccato l’arma”. Un portavoce della Polizia di Griffin ha promesso il massimo impegno per giungere alla verità ed ha annunciato che “non sarà lasciato nulla di intentato”.

Incinta di 3 mesi, Anna muore a 24 anni. Il suo corpo ritrovato dal marito

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it