“800 cadaveri”. La scoperta choc fatta dalla polizia: cosa sappiamo finora


Il coronavirus sta uccidendo migliaia di persone in tutto il mondo, oltre a causare un contagio spaventoso di milioni di cittadini. Ma ciò che è stato scoperto nelle scorse ore dalla Polizia in Ecuador è quasi un vero e proprio film horror. Gli agenti di Guayaquil, il principale focolaio di Covid-19 nella nazione, ha infatti ritrovato circa 800 corpi che erano stati abbandonati nelle rispettive abitazioni. Si tratta di cadaveri di persone che hanno perso la vita nelle ultime due settimane.

Non c’è ancora la conferma ufficiale che si tratti di decessi collegati al virus. Ma nei giorni scorsi, nella stessa zona, erano già stati rinvenuti tantissimi cadaveri lasciati anche per strada per timore di contagi. Il governo era stato costretto a costituire una task force della Polizia per recuperarli. Secondo quanto riferito, finora dall’inizio della crisi ammonterebbero a 1.400 le vittime nello Stato. Anche se i dati ufficiali parlano ancora di 7.500 casi e di 333 morti. (Continua dopo la foto)








Il responsabile della task force della Polizia, Jorge Wated, ha dichiarato: “Il numero di corpi che abbiamo recuperato dalle case con i nostri agenti ha superato le 700 unità”. Successivamente, lo stesso responsabile ha aggiunto su Twitter che il dato era salito a 771 e a questi andavano aggiunti i 631 morti negli ospedali. In Ecuador tutti gli obitori non riescono a contenere le salme, quindi molti ammalati morirebbero nei propri domicili in solitudine o addirittura per strada. (Continua dopo la foto)






Il vicepresidente Otto Sonnenholzner, nato proprio a Guayaquil, ha affermato che “gli errori commessi non possono essere ripetuti”. Lui, che è inoltre il responsabile della lotta del governo contro il coronavirus, ha scritto su Twitter che sarà dispiegato l’esercito che si recherà in tutte le case della zona per effettuare dei “test rapidi”. Già da alcuni giorni le immagini drammatiche dall’Ecuador avevano fatto il giro del mondo, vista la gravità della situazione. (Continua dopo la foto)



Entrando nello specifico dei fatti, a Guayaquil erano stati trovati qualche giorno fa numerosi corpi di soggetti spirati per Covid-19, che erano stati lasciati in strada o gettati nell’immondizia. Erano stati avvolti in alcuni sacchi di plastica o in alternativa bruciati nell’attesa di provvedere alla sepoltura. Una vicenda apocalittica che ha scioccato non solo l’Ecuador, ma anche il resto del pianeta.

Coronavirus, rallentano i contagi ma non i morti: ancora tante vittime

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it