“È morto!” Gli hanno sparato poco fa, questa è l’ultima foto di lui ancora in vita, poi un uomo è entrato e gli ha sparato. Ora è panico nel mondo per le ripercussioni che questo attentato potrebbe avere


 

È panico totale in Turchia e ora anche nel mondo per le ripercussioni che potrebbe avere il tragico attentato avvenuto oggi. L’ambasciatore russo ad Ankara, Andrey Karlov, è stato ucciso in un attentato. Stava parlando a una mostra fotografica quando un uomo ha cominciato a sparare gridando “vendetta per Aleppo”. Colpito, è stato trasferito in ospedale ma non ce l’ha fatta. È morto poco dopo. Intervenute, le teste di cuoio, hanno ucciso l’attentatore che ha ferito altre tre persone. Fonti dell’ambasciata, citate dai media locali, precisano che il diplomatico stava tenendo un discorso alla mostra fotografica ‘la Russia vista dai turchi’ quando è stato colpito. Il presidente russo Vladimir Putin è informato, riferisce il portavoce Dmitri Peskov. Da giorni in Turchia si susseguono manifestazioni di protesta contro Mosca per la città siriana ripresa quasi completamente dalle forze governative grazie al decisivo appoggio militare russo. (Continua a leggere dopo la foto)



A più riprese i dimostranti hanno inscenato manifestazioni davanti alla legazione russa. La zona dell’attacco è stata chiusa al traffico e si trova sotto stretta sorveglianza delle forze di sicurezza. Sul posto è arrivato anche il ministro degli Interni turco, Suleyman Soylu. Solo pochi giorni fa invece c’era stato il terrore a Istanbul. Un doppio attentato terroristico aveva provocato almeno 29 morti e 166 feriti. Prima un’autobomba era stata lanciata contro un bus di poliziotti anti-sommossa, vicino alla Vodafone Arena, lo stadio della squadra di calcio del Besiktas. Poco dopo una seconda esplosione è stata provocata da un attacco suicida in un vicino parco.

(Continua a leggere dopo le foto)



 

A tracciare il bilancio era stato il ministro dell’Interno turco Suleyman Soylu, aggiungendo che fossero 10 le persone arrestate in connessione con l’attacco nei pressi dello stadio. Tra i morti, ci sono stati anche 27 agenti di polizia e due civili. Il ministro aveva indicato che gli attacchi fossero stati specificamente mirati a colpire la polizia. È stato un attacco terroristico. Il governo turco aveva imposto il silenzio stampa. E adesso questo altro tragico avvenimento.  

 

Ti potrebbe interessare anche: