“Addio mamma”. Stroncata dal Covid 19, lascia 6 figli: uno strazio


Una storia che spezza il cuore, quella di Sundee Rutter, una donna di 42 anni che è morta stroncata dal Covid-19. Mamma di sei figli di età compresa tra i 13 e i 24 anni e residente a Everett (Washington), era stata colpita lo scorso anno da un cancro al seno. Le cure, però, avevano funzionato molto bene e la donna era ad un passo dalla vittoria contro la malattia.

All’improvviso, però, qualcosa era cambiato: Sundee, un mese fa, aveva iniziato a sentirsi male, ma non si trattava di uno degli effetti del cancro. I medici avevano sospettato un’infezione da coronavirus, confermata poi dal test del tampone. I primi sintomi accusati da Sundee, che otto anni fa aveva anche perso il marito e padre dei suoi figli, erano questi: spossatezza, mal di testa e difficoltà respiratorie. Il 3 marzo, il figlio maggiore aveva deciso di portarla in ospedale, ma i medici avevano deciso di farla tornare a casa. Continua dopo la foto









Nei giorni successivi la situazione era precipitata e si era deciso per il ricovero in ospedale, ma tutto si è rivelato inutile: il 16 marzo, infatti, il Covid-19 ha stroncato la vita di questa coraggiosa mamma. I figli, costretti a rimanere lontani dalla loro mamma nel momento più drammatico, hanno però avuto una piccola, grande concessione dai medici: la possibilità di parlare con lei per l’ultima volta, attraverso un vetro e con dei walkie-talkie. Continua dopo la foto






L’allarme in Italia resta altissimo. Potrebbero essere “almeno 5 milioni”, di cui “di cui 1 milione nella sola Lombardia”, gli italiani infettati dal coronavirus Sars-CoV-2. E’ quanto emerge dai risultati di un’indagine Doxa coordinata dal gruppo dell’epidemiologo Carlo La Vecchia dell’università Statale di Milano, condotta sul territorio nazionale fra il 27 e il 30 marzo su sintomi correlati a Covid-19. Continua dopo la foto



 


Secondo i dati ufficiali, a fine marzo si registravano 105.792 casi e 12.442 decessi su scala nazionale, e 43.208 casi e 7.199 decessi in Lombardia, ricordano gli scienziati. Le cifre reali “sono tuttavia incerte: i casi registrati in Italia includono essenzialmente i ricoveri ospedalieri, più un ristretto numero di soggetti positivi a tamponi Pcr eseguiti in modo non sistematico”, fanno notare gli esperti. Per stimare il numero di casi possibili, il team guidato da La Vecchia e dalla ricercatrice Eva Negri ha inserito una serie di domande sui sintomi correlati a Covid-19 (come febbre, mal di testa, raffreddore, tosse, disturbi gastrointestinali) nel sondaggio condotto settimanalmente da Doxa. Continua dopo la foto

Ti potrebbe interessare: Caterina, la figlia adottiva di Simona Ventura è cresciuta e oggi è così

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it