“Da dove è sbucato questo mostro? È alieno o terrestre?”. Una grave malattia la rende scheletrica e così questa ragazza si ritrova nel mirino degli utenti di Facebook, tra battute e sfottò. Ma, in barba a tutti, reagisce così


 

Un primato non certo invidiabile quello di Lizzie Velasquez, una ragazza statunitense originaria del Texas afflitta da una rara malattia che le impedisce sostanzialmente di accumulare grasso e muscoli intorno alle ossa. A causa del terribile problema, la ragazza ha un aspetto scheletrico e il suo volto diventato fonte di divertimento per gli utenti del web, che a partire da alcuni suoi scatti hanno creato dei meme, piccole immagini animate con una frase che si suppone divertente, in cui la deridono senza pietà. Una crudeltà bella e buona, che avrebbe distrutto l’autostima di chiunque. Non Lizzie, però, che oggi è una scrittrice, una speaker e una motivatrice molto apprezzata, famosa soprattutto per una serie di conferenze in cui spiega al pubblico come imparare ad amare sé stessi in barba all’aspetto fisico. Quando ha scoperto che gli utenti l’avevano messa nel mirino, ha risposto con un messaggio sul proprio profilo social che è subito diventato virale. (Continua a leggere dopo la foto)



 

“Ultimamente ho visto su Facebook – si legge nel post – tonnellate di meme come questi. Scrivo questo post non come vittima, ma come qualcuno che usa la propria voce… le persone innocenti soggetti di questi meme… provano dei sentimenti che voi non augurereste al vostro peggior nemico”. (Continua a leggere dopo la foto)


 


 

“Non importa quale sia il tuo aspetto o il tuo peso – conclude la ragazza, subito diventata un idolo dell’etere – siamo tutti esseri umani. Io vi chiedo di ricordarlo bene, la prossima volta che vedrete un meme virale di uno sconosciuto. Magari lo troverete divertente, ma l’essere umano nella foto probabilmente prova l’esatto contrario. Attraverso lo schermo diffondete amore, non parole d’odio”.

È considerata la donna più brutta del mondo, ma non si arrende: “Vi spiego come vivo”