“Abbiamo paura, siamo costretti a vivere in tenda”. Per alcuni lavoratori il bosco è diventato la loro casa. Dormono lì e fanno tutto lì. Ma la parte peggiore è la ragione che li spinge a farlo


 

 

Tremendo. Lavoratori costretti a vivere in tenda. Per paura d’essere licenziati. Sembra assurdo, eppure sta succedendo davvero e non in un paese dove magari i diritti sono un miraggio. Accade in Inghilterra. A segnalarlo è il quotidiano britannico Metro. Con tanto di foto. Gli operai sono costretti a vivere in una tenda. In questo modo possono arrivare puntuali al posto di lavoro. Questa è la denuncia choc che hanno fatto alcuni magazzinieri di un deposito di Amazon, che si trova a Dunfermline, nel Regno Unito. I dipendenti si sono accampati con le tende nella foresta vicina al capannone in cui lavorano perché sono preoccupati di poter perdere il loro posto di lavoro, per i possibili ritardi. Alcuni lavoratori, come spiega Metro, hanno preferito rimanere anonimi per ovvie ragioni, hanno raccontato la loro vicenda. La puntualità all’inizio del turno è importante. Va rispettata. Un ritardo può significare anche la perdita del posto di lavoro. Come se non bastasse, come spiegano i dipendenti, i loro stipendi non sarebbero poi così alti. (Continua a leggere dopo la foto)








 

Non tanto, a quanto pare, da poter permettere loro di prendere un appartamento in affitto dove vivere. Nei paraggi. Così, la decisione drastica. Le tende, nei boschi attorno alla struttura. Ovviamente la risposta di Amazon non si è fatta attendere. (Continua a leggere dopo le foto)




 


 

 

“L’azienda – spiegano – fornisce un ambiente di lavoro sicuro e confortevole. La sicurezza e il benessere dei lavoratori sono la nostra priorità, paghiamo stipendi competitivi, retribuendo i nostri lavoratori con 7,50 sterline l’ora per chi è all’inizio della propria carriera, fino ad arrivare a 11 sterline l’ora per chi lavora con noi da più tempo”.

“Caro sono appena arrivata in hotel”, durante un viaggio di lavoro decide di inviare alcune foto hot al suo fidanzato per farlo sentire meno solo. Ma c’è un dettaglio che insospettisce il ragazzo: “Mi stai tradendo!”. Riuscite a vederlo anche voi?

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it