Coronavirus, Luca muore a soli 19 anni. Cuoco, si era appena trasferito per lavoro


Una terribile notizia arriva dall’estero e riguarda un italiano vittima molto probabilmente di coronavirus. A soli 19 anni ha perso la sua battaglia Luca Di Nicola, originario di Nereto, in provincia di Teramo. Viveva nella capitale dell’Inghilterra, Londra, assieme alla sua adorata mamma, e lavorava come aiuto cuoco all’interno di un ristorante. La notizia ha sconvolto il paese, che non si aspettava di ricevere queste pessime news dal Regno Unito. Un dolore manifestato anche dal sindaco.

Le voci sul suo decesso erano già circolate nella serata di ieri, poi stamattina è giunta anche la conferma ufficiale. Da qualche mese Luca si era trasferito nella città inglese per vivere con la madre, mentre gli altri familiari si trovano a Nereto. Aveva deciso di accettare il lavoro di aiuto cuoco nell’attività commerciale. E pare che da alcuni giorni avesse manifestato alcuni sintomi influenzali e dunque si presumeva che avesse l’influenza stagionale. Ma così pare non sia stato. (Continua dopo la foto)







Era nella propria abitazione, ma le sue condizioni di salute si sono aggravate gradualmente. Quando il suo stato fisico era ormai precario è stata allertata un’ambulanza ed i sanitari lo hanno immediatamente trasportato in ospedale in terapia intensiva. La situazione era però compromessa e qualche ora più tardi il giovane ha smesso di respirare. C’è comunque attesa per conoscere con sicurezza le cause del decesso. Si aspettano i risultati del tampone al quale era stato sottoposto. (Continua dopo la foto)






Nonostante il fortissimo dolore per la perdita di questo ragazzo, tutti si stanno già attivando per provare a far rientrare il corpo in Italia il più presto possibile. Occorrerà ovviamente attendere l’ok dalle autorità britanniche. Commovente il messaggio scritto dal sindaco di Nereto, Daniele Laurenzi: “Mi stringo al dolore della famiglia del giovane Luca e parlo a nome di tutta la nostra comunità che abbraccia questa famiglia per sostenerla in questo immenso dolore”. (Continua dopo la foto)



Il primo cittadino del comune teramano ha concluso, dicendo: “Dico inoltre che sono a disposizione dei genitori di Luca per qualsiasi necessità. Non ho le parole giuste oggi, vi arrivi la mia presenza e vicinanza”. Non resta dunque che aspettare comunicazioni ufficiali dall’Inghilterra, ma ciò che è certo è che un’intera comunità piange una giovane vita, spezzata troppo presto.

Coronavirus, morti altri 4 medici. La strage ‘silenziosa’: sale il numero dei dottori vittime del Covid-19

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it